La biblioteca oggi apre alle 10:00 e chiude alle 19:00. Leggi tutti gli orari.
copertina di Al museo
Susanna Mattiangeli, Vessela Nikolova

Al museo

Italia, Topipittori, 2020

Consulta il catalogo

dai 4 anni

Dopo In spiaggia (2018) e Al mercato (2019), continuano le esplorazioni della piccola Eva, stavolta in gita al museo con la classe. Come nei due albi precedenti, sempre scritti da Susanna Mattiangeli e illustrati da Vessela Nikolova, anche qui impariamo assieme alla protagonista ad esercitare l’arte dell’osservazione e della curiosità, a mettere ciò che vediamo in relazione con la nostra esperienza e a guardare luoghi conosciuti con occhi nuovi. Per portare via i segreti si fa un po’ fatica. Servono gli occhi, ma anche la schiena: è la ginnastica del museo. Passeggiamo di pagina in pagina, di sala in sala, in movimento alla ricerca dei segreti custoditi dal museo, scrutandone tutti gli abitanti e gli elementi, che ci scrutano a loro volta. Il nostro sguardo si intrufola così fra sculture, busti, nature morte e ritratti, e sbircia fra turisti, custodi, guide e artisti. Le illustrazioni variopinte e brulicanti di Vessela Nikolova mettono a confronto i visitatori contemporanei e le opere d’arte incastonate nel loro tempo, in un dialogo continuo fra antico e moderno, fra movimento e immobilità, in cui anche le persone in carne e ossa possono giocare a fare le statue, mentre le opere d’arte, così realistiche da sembrare vere, possono quasi uscire dalla tela e scappare da un momento all’altro. Al museo ispira e fa sentire accolti, è un luogo ospitale in cui c’è posto per tutti: occhi scuri, chiari, storti, vicini, lontani, invisibili. I piccoli lettori potranno lasciarsi ispirare da ciò che vedono, come la protagonista, a cui viene voglia di rubare idee al museo e cimentarsi nel disegno, mentre i lettori più grandi e gli adulti potranno cogliere i riferimenti a quadri e statue conosciute e i richiami alle diverse correnti della storia dell’arte. È un libro che si presta a essere esplorato da vicino, con il naso incollato alle pagine e gli occhi e le orecchie ben aperti, per perdersi e ritrovarsi come Eva fra i meandri del museo in cerca di segreti, dettagli, somiglianze.