La biblioteca è chiusa. Riapre lunedì alle 14:30. Leggi tutti gli orari.

Topolino

...Su venite a far baldoria insieme a Topolin,

anche noi, come voi, canterem così.

Come noi bambini, tu sei tanto piccolin,

Topolin, Topolin, viva Topolin!

 

 

Uno scansafatiche disegnato per sostituire un coniglio?

Questa è solo una delle cose che non sapevate di Topolino, che quest'anno compie 90 anni. Le altre sono qui sotto.

 

Pantaloni corti rossi e scarpe gialle, guanti bianchi e due orecchie inconfondibili: è il cortometraggio Steamboat Willie (Willie del vapore) che segna il 18 novembre 1928 il debutto al cinema di Topolino.

 

Creato da Ub Iwerks e Walter Elias Disney (Walt Disney), Topolino è l'eroe e l'amico di tutti. Nella sua prima apparizione pubblica è già affiancato dalla fidanzata Minnie e dal cattivo Pet Leg Pete (Pietro Gambadilegno).

 

Il Topolino della prima ora però è un monello scansafatiche. Sarà solo con l'approdo al fumetto (Topolino e la valle della morte) e alla penna di Floyd Gottfredson che il personaggio diventerà il cittadino modello e il detective infallibile che tutti conosciamo. Col carattere, cambiano anche in modo evidente viso e abbigliamento.

 

Ma come nasce realmente Mickey Mouse? Come conseguenza di qualcosa che molto spesso non va a finir bene: una richiesta di aumento.

 

Nel 1927, infatti, la Disney disegna per Charles Mintz della Universal Studios i filmati del coniglio Oswald the Lucky Rabbit. Vista la fortuna del personaggio, Walt Disney chiede un aumento, al quale Mintz, che intanto gli sottrae risorse e personale, risponde con un decurtamento. Onorato comunque il contratto, Walt Disney si mette all'opera con l'animatore Ub Iwerks e gli amici Les Clark e Wilfred su un'ispirazione: il topolino domestico che ha nel suo studio di Kansas City. Lo fotografa, lo mostra ai disegnatori e gli dà anche un nome: Mortimer Mouse. Ub Iwerks comincia a disegnarlo col nome più accomodante - dato dalla signora Disney, Lillian - di Mickey Mouse, ma per il gradimento di due primi cortometraggi (L'aereo impazzito e Topolino Gaucho) sembra non essere abbastanza.

 

Il terzo film è la classica ultima spiaggia. Concepito questa volta col sonoro sincronizzato e ispirato da una comica di Buster Keaton, viene proiettato al Colony Theater di New York il 18 novembre del 1928. E' la svolta. Critica e pubblico sono unanimi: qualcosa di nuovo si è affacciato sugli schermi americani. Disney si affretta ad aggiungere il sonoro anche ai due cortometraggi precedenti, e il risultato saranno altri 130 film, compresi lungometraggi come Fantasia (1940).

 

Naturalmente, Topolino sbarca anche all'estero: in Italia esordisce nel 1930 nel settimanale torinese Illustrazione del Popolo che pubblica una striscia intitolata Le avventure di Topolino nella giungla. La prima casa editrice italiana è la Giuseppe Nerbini di Firenze, seguita dalla PANINI S.p.A. WALT DISNEY, che lo pubblica ancora oggi. In Italia, lo disegnano illustratori apprezzati in tutto il mondo come Giova Battista Carpi, Romano Scarpa Giorgio Cavazzano, tra gli altri.

 

Una delle icone pop più longeve: questo è Topolino, che verrà festeggiato degnamente per tutto il 2018 dalla Walt Disney Company Italia.

 

Appassionati e studiosi possono trovare un'offerta all'altezza della loro passione sugli scaffali di Salaborsa e Salaborsa ragazzi: questa che segue è una piccola selezione. Per espandere la ricerca, è sufficiente consultare il catalogo della sezione adulti e della sezione ragazzi.