La biblioteca oggi apre alle 10:00 e chiude alle 20:00. Leggi tutti gli orari.

L'Eternauta

"Non vi erano più destini individuali, ma una storia collettiva e dei sentimenti condivisi da tutti".

Albert Camus, La peste, 1947

Strade deserte o quasi, ospedali in costante emergenza.

A chi di noi in questi giorni non sembra di essere precipitati dritti dritti nelle serie fantascientifiche della narrativa disegnata?

Tra le tante, una più delle altre ritraeva un mondo in cui uscire di casa significava pericolo: è L'Eternauta, il capolavoro fantapolitico dello scrittore argentino Héctor Germàn Oesterheld.

Disegnata da Francisco Solano Lopez e pubblicata sul periodico argentino Hora Cero a partire dal 1957, la vicenda racconta di un'anomala nevicata (radioattiva?) su Buenos Aires che provoca decine di migliaia di morti. Un gruppo di amici si isola in casa per poter sopravvivere, ma, dopo alcuni giorni a seguito del taglio delle comunicazioni, provano a uscire proteggendosi con maschere e scafandri. Il seguito vede l'ingresso di una concreta minaccia aliena e la comparsa di una macchina del tempo che costringe il protagonista a diventare un viaggiatore all'infinito (eternauta, navigatore dell'eternità) che tenta di tornare a casa.

Il testo di Oesterheld, apparentemente fantascientifico, in realtà era colmo di metafore e riferimenti polemici alla situazione politica argentina a lui contemporanea. Si dice che gli argentini, mentre Francisco Solano Lopez progrediva nel disegno della storia scritta da Oesterheld, passassero quotidianamente dal suo studio per vedere come andava avanti la storia. Non a caso, dopo una seconda stesura del 1969 disegnata da Alberto Breccia, la dittatura militare nel 1977 fa scomparire Oesterheld. A breve distanza, vengono sequestrate e uccise le sue quattro figlie, militanti nell'ala sinistra del Peronismo.

L'Eternauta è in procinto di diventare una serie prodotta da Netflix nel 2021, esattamente come è successo a The walking dead, in origine serie a fumetti scritta da Robert Kirkman che è l'epigono di una tradizione di fumetti fantastici e distopici.

In questa tradizione occupano un posto di rilievo Virus, il mago della foresta morta di Federico Pedrocchi che appare nel 1939 sul periodico L'Audace; l'apocalittico Cronache del dopobomba, creato nel 1973 da Bonvi e ispirato dal romanzo di Philip K. Dick del 1963; Stryfe e il suo Virus Legacy che compaiono in casa Marvel nel 1990 con i Mutanti X-Men, mentre la DC comics dà vita nel 1996 a un Batman alle prese con il virus Apocalypse nel crossover Batman Contagion di Chuck Dixon.

Qui di seguito i titoli di Oesterheld disponibili in biblioteca, alcuni scritti a quattro mani con l'amico fraterno Hugo Pratt, che con lui realizzò Il sergente Kirk. In attesa di poter tornare agli scaffali del fumetto, puoi ascoltare la storia dell'Eternauta su Wikiradio disponibile gratis su Emilib o sul sito di Radio3.