La biblioteca oggi apre alle 10:00 e chiude alle 20:00. Leggi tutti gli orari.
immagine di La montagna bolognese nel medioevo

La montagna bolognese nel medioevo

"Case di pietra, ponti di pietra grigia. In uno scenario di bellezza antica, tocca il Reno a Marzabotto i borghi di case murate al sasso, che lo sovrastano e sentono urtare dalle fondamenta ... Al piano si allarga e si sfianca, dove lo raggiungono le ombre dei parchi gentilizi e dei mulini fragorosi".

Giuseppe Raimondi (Anni di Bologna, 1946) descrive così la bassa valle del Reno. Fino alla guerra mondiale l'Appennino bolognese è una società quasi immobile, un paesaggio millenario di castagni e pietre, un succedersi implacabile di generazioni e consuetudini. E migrazioni e povertà.

Questa bibliografia ha per tema il territorio appenninico nel medioevo, tra le valli bolognesi e toscane: i poteri feudali e le magistrature comunali, le pievi e i santuari, i commerci e i viaggi sui crinali, la faticosa economia di quello che Goethe ha chiamato un "curioso lembo di mondo".

La proposta appartiene ad un ciclo ideale che comprende due precedenti bibliografie: Appennino bolognese: borghi senza tempo e Appennino bolognese: la montagna sacra.