L'isola dei battiti del cuore

Dove
Piazza Coperta - Biblioteca Salaborsa, Piazza del Nettuno, 3
copertina di L'isola dei battiti del cuore

con Laura Imai Messina e Paola Scrolavezza

Nel sud-ovest del Giappone, in una pozza di mare condivisa da due province, Kagawa e Okayama, nuota un’isoletta raggiungibile da ogni punto del mondo solo per mare: Teshima.
Partendo dalla capitale, bisogna salire su un aereo, poi su una nave, prendere un autobus e servono infine un mucchio di passi per allacciare tutti i trasferimenti. Sulla punta orientale dell’isola, in un luogo appartato alla vista, sorge un piccolo edificio con una grande finestra che si affaccia sul mare. Lì sono catalogate le pulsazioni del cuore di più di settantamila persone, alcune vive altre già ombre, provenienti dai luoghi più disparanti del pianeta. Si chiama Shinzō-on no Ākaibu, l’Archivio dei Battiti del Cuore. Dopo Quel che affidiamo al vento, Laura Imai Messina torna a un luogo incredibile eppure reale del Giappone. E nel viaggio in cui ci conduce, grazie alla sua conoscenza privilegiata della cultura giapponese, ci permette di avvicinarci a un modo diverso di concepire la vita e i suoi smarrimenti. Ma soprattutto ci dona una delle chiavi essenziali per interpretare il presente: quella per ritrovare la felicità perduta.

Lunedì 17 ottobre alle 18 in Piazza Coperta
Laura Imai Messina parla del suo libro L'isola dei battiti del cuore con Paola Scrolavezza.

L'incontro è realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Ligue, Letterature e Culture Moderne - LILEC dell'Università di Bologna, l'associazione Nip Pop e edizioni Piemme

Ingresso gratuito

Una volta raggiunta la capienza massima consentita non sarà possibile entrare e sostare in piedi.

Anche se non è più obbligatorio, per entrare in biblioteca e per partecipare alle attività raccomandiamo ancora l’uso della mascherina (chirurgica o FFP2).

Contenuto inserito il 19 set 2022 — Ultimo aggiornamento il 5 ott 2022