Sala Borsa histories

A site narrates its past

Sala Borsa ha raccontato la sua storia in un depliant illustrato che riunisce testi e figure della mostra in Piazza coperta.
Ora l'iniziativa si arricchisce di una versione in inglese.
sala borsa histories è a disposizione di un pubblico ancor più numeroso, che dalla nostra pagina web potrà accedere facilmente alla storia del luogo e farci conoscere nel mondo.

Inglese - Italiano

Bononia
In Roman times the urban layout of Bologna, or Bononia (189 B.C.), reflected the city plan that characterized the late Republican colonies. These were organized according to a geometric pattern consisting in streets at right angles, thus forming an almost square-shaped plan that was divided by the cardo and the decumanus. What the north part of the civic palazzo that faces the Neptune Square was over the centuries is "narrated" by the >archeological excavations< begun during the restoration and rebuilding of the Sala Borsa. Under the crystal floor of the covered square, a platform that is suspended both in space and time guides us along a fascinating and stimulating stroll through history. From the formidable wall foundations of the cistern created during the Renaissance by "il Terribilia", as you pass over the Roman basilica's foundations and continue along the Medieval tower-house's walls, you can see the star-shaped tank that was once located at the center of one of the botanical garden's four parterres created by Ulisse Aldrovandi during the 16th century.

The basilica
The civic basilica of Bononia dates back to between the end of the second century and the beginning of the first century B.C. and was used by the citizens as a place of assembly and as a hall of justice. This basilica, presumably rectangular in shape, was twenty meters wide and about seventy meters long. It was divided by two rows of columns that separated three distinct naves in which the central nave was wider than the two side aisles. The early wooden structure was adorned with architectonic decorations in terracotta. Among these, a Gorgon's head was found during the 1920s archeological digs. A coeval column base was also found close to a brick wall during these excavations and is today housed in the city's Archeological Museum Next to the basilica's foundations very evident remains of an ancient road pavement dating back to the Augustan age can be seen. The finding of two aligned, undecorated creek water wells is also noteworthy. These two wells can still be seen and were undoubtedly intended to serve the city's numerous inhabitants.

From Decay to Medieval Reconstruction
After the subsequent transformations in Roman times, from the end of the fifth to the seventh centuries A.D. this area was subject to increasingly conspicuous and insidious signs of decay that ultimately brought about the collapse of the structures and the loss of the valuable material used. This tragic situation lasted until the thirteenth century when there was a true recovery and civic constructions of noteworthy effort and cost were erected one and a half meters above the Roman ruins. Under the Visconti Family reign in Bologna during the Middle Ages the palazzo became a true fortified citadel, the headquarters of the troops who defended the fortress.

Viridarium,Tower, Scuderie (stables)
In 1360 the papal legates succeeded the Visconti Family. Among these legates, the prominent diplomat Egidio de Albornoz and Androino de la Roche deserve special mention. In that same year, de la Roche purchased a unit of 35 houses on the north side of the palazzo. This area was intended for the creation of a large garden surrounded by embattled and fortified walls and which was inspired by the Pope's residence in Avignon. Enormous sums of money were spent on the viridarium, or palazzo garden, created right in the section of the city that was the most built-up. The horse stables and the living quarters for the palazzo's papal guard were situated near the garden. Its fortlike aspect was maintained until 1376 when the city revolted against the Cardinal Legate and was granted autonomy by the Pope. This, however, did not last long because in 1401 Giovanni Bentivoglio proclaimed himself ruler of the city. In the Fall of 1506 Pope Julius II entered Bologna and exiled the Bentivoglio Family. Two years later the palazzo consolidated itself as a fortress with the construction of the Tower that faced the Canton de' Fiori. Other significant structural changes occurred between 1554 and 1555 when the architects Stefano Grandi and Antonio Morandi were entrusted with the restructuring of the interior of the >scuderie<. They substituted the old pillars with two rows of Tuscan-style columns, thus making this area resemble a "basilica."

The Orto dei Semplici
In 1568 Ulisse Aldrovandi transformed the Cardinal Legate’s viridarium into a botanical garden with flowerbeds of different geometric shapes. This new garden was inspired by Padua’s Giardino dei Semplici (1545) and the Giardino Pisano (1547). The “orto dei semplici” derives its name from a Medieval classification attributed to the Scuola di Salerno that listed the fundamental herbs considered as being essential for a good pharmacopoeia: thyme, rosemary, sage, sweet marjoram, wood sorrel, etc.. Ulisse Aldrovandi was the botanical garden’s caretaker for fifty years, enriching it with exotic species from India, Africa and America: a true laboratory of naturalistic experimentation in which modern-day Botany finds its origins. The garden plan consisted in four rectangular parterres with different designs that contained four irrigation tanks. The remains of the crossshaped tank, which was used for the cultivation of aquatic plants, can be seen in the north-west section of the >archeological excavation<. The irrigation system was regulated by a cistern located at the center of the garden and is today marked off by the "semicircle" on the floor of the >covered square<. In 1587, Francesco Morandi, know as il Terribilia, constructed a delightful Corinthian- style edicola above the cistern. In 1886 this was moved to the Pinacoteca's courtyard because of the construction work for the future Sala Borsa. Today, a copy of this can be seen in the courtyard of Palazzo d'Accursio

From Garden to Training Camp
In 1765 the botanical garden was moved to via San Giuliano, and later during the Napoleonic period to its definitive location at the Palazzina della Viola, where today it is still the School of Agronomy's botanical garden. At the end of the nineteenth century the palazzo's garden was definitively transformed and the final steps taken in eliminating the ancient public garden made room for a grassy courtyard used for over a century as a training and drill camp for the city's militia and firemen.

The Entrance from the Neptune Square
In 1870 the Municipal Council decided to use the part of the garden that was adjacent to the present-day Neptune Square so as to build a semicircular structure, the entrance or >exedra<, that we see today. A few rooms on the ground floor that were once part of the Cardinal Legate's living quarters during the summer months were included. At first, this new area was set aside for a telegraph office. Later, it was used as the post office .

From Sage to Cast Iron
The promoters of the new Sala Borsa project greatly assisted in turning this part of the palazzo into the city's economic and social center. These Bolognese entrepreneurs wanted to erect a new building that was intended for stock trading, market transactions and commercial exchange in the place of the garden, the courtyard and the cistern. As a result, the viridarium with its five centuries of history was eliminated so as to make room for the new iron structure, which at that time was greatly admired and innovative.

A Large Skylight
Between 1883 and 1886 a pavilion in cast iron and glass was constructed and which today still maintains its original "basilica" layout with a spacious central area >the covered square< that is illuminated by a skylight. The arcade is held up by a series of arches that rest upon slender cast iron columns that support a roof with four slopes made with metallic reinforcements. This project, which was in part inspired by the Sala Borsa in Paris, is characterized by its wide use of iron, which was already employed in the post office's skylight. The project is attributed to the company of Alfredo Cottrau and Paolo Boubée, the Impresa italiana di costruzioni metalliche, in Naples. The progressive decline in commercial transactions and exchange caused a constant and relentless decrease in the number of people who made use of the Sala Borsa. As a result, the offices were definitively closed in 1903.

The 1920s Transformation
Between 1917 and 1920 under the Socialist administration of the city's mayor, Francesco Zanardi, the Sala Borsa hosted an economical restaurant, a few bank counters of the Cassa di Risparmio and an office of the National Tourism Agency. In 1922 the Cassa di Risparmio was authorized by the Municipal Government to use the entire Sala Borsa for a period of fifty years. This bank wanted to enlarge and renovate the area so as to have the Sala Borsa relive its past as the city's center for business transactions and exchange.

Art Nouveau and Reinforced Concrete
In 1924 work was begun under the supervision of the engineer Francesco Tassoni for the second and third walkways that are located around the covered square's entire perimeter. This new project was in perfect harmony with the order of the offices that were already present on the ground floor. Moreover, included in this new project were two splendid underground rooms >the Collamarini rooms< with stucco decorations and Art Nouveau frescos. The beauty of these rooms was enhanced by the light which came from the transparent glass. This is one of the first examples in Bologna of a reinforced cement structure, which was quite innovative at that time. This work cannot be attributed with certainty, but credit is usually given to the Bolognese architect Edoardo Collamarini, even though the hypothesis of collaboration among the most qualified professionals during those years is more probable. The inauguration of the Sala Borsa caused a great stir among the city's inhabitants and a large number of people participated in the solemn ceremony held on July 17th, 1926 in the presence of the Minister of Finance, the Count Volpi di Misurata. The construction work continued until 1930 when the cistern, which was designed in 1587 by Pietro Fiorini on the north side of the viridarium, was converted into a bank strongroom.

From the Post-World War II Period to the 1950s
During the post-World War II period numerous changes were made to modernize the Sala Borsa. In the 1950s the covered square was turned into a sports center and hosted basketball games and even boxing matches. During the day regular business dealings took place, and in the evenings the caretakers would clean the floor and position the basketball hoops so that the players could practice. On the days of the games the side parterre and the walkways were teeming with fans and the >covered square< became a true lion's den.

From Puppets to Books
In 1976, the first and perhaps only permanent Puppet Theater, the famous Teatrén di buratén, was inaugurated on the inside of the Canton de' Fiori Tower, which was once the north part of the palazzo fortress. Today, this area is home to the >children's and young adults'< library section. This puppet theater was directed by Demetrio Presini and lasted until the 1990s.

Today
In more recent years, the Sala Borsa hosts the Municipal Government's administrative offices. The first attempts in recuperating this area were part of the larger urban renewal project known as the Parco Urbano di Piazza Maggiore. In 1989 an important decision was made which assigned a cultural role to the Sala Borsa. The most recent restructuring works maintained the layout of the preexisting structures and the stratification of the constructions accumulated over seven centuries of urban history. Today, the Sala Borsa once again gives witness to the centrality and importance of this site in its new role as library, treasuretrove of knowledge and multi-media center.

Bononia
La pianificazione urbanistica della romana Bononia (189 a.C.), rispecchia quella delle colonie tardo-repubblicane, organizzate secondo uno schema geometrico di strade ad angolo retto, che formano una pianta quasi quadrata divisa dal cardo e dal decumanus. Che cosa sia stata nel tempo la parte nord del palazzo di città che si affaccia su Piazza Nettuno ce lo raccontano gli >scavi archeologici< intrapresi nel corso dei lavori di restauro e ristrutturazione di Sala Borsa. Sotto il cristallo della piazza, una passerella sospesa nello spazio e nel tempo ci guida lungo un percorso storico di grandissima suggestione e fascino. Dal possente paramento murario della cisterna rinascimentale del Terribilia, scavalcando i basolati e le fondazioni della basilica romana, costeggiando il muro di cinta della casa a torre medioevale si intravede la vasca a stella che stava al centro di uno dei quattro parterres del cinquecentesco giardino botanico di Ulisse Aldrovandi.

La basilica
Tra la fine del II e l'inizio del I sec. a.C. si fa risalire la costruzione della basilica civile di Bononia, luogo di riunione dei cittadini e di amministrazione della giustizia. L'edificio, presumibilmente di forma rettangolare, occupava una superficie di venti metri di larghezza per una settantina di lunghezza, attraversata da due ordini di colonne che separavano tre navate distinte, quella centrale più ampia delle laterali. La primitiva struttura in legno era arricchita da decorazioni architettoniche in terracotta tra cui una testa di Gorgone ritrovata nel corso degli scavi degli anni Venti. Alla stessa epoca risale la base di colonna rinvenuta a ridosso del muro in laterizi e oggi conservata presso il Museo Archeologico. Accanto alla fondazione muraria della basilica, si intravedono resti molto evidenti di un antico basolato o lastricato stradale di età augustea. Interessante è anche il ritrovamento di due pozzi di acqua di falda allineati, grezzi, privi di rivestimento e tuttora visibili, sicuramente destinati a servire una popolazione numerosa.

Dal degrado alla ricostruzione medievale
Dopo le successive trasformazioni in età romana, tra la fine del V ed il VII sec. d.C., l'area è interessata da sempre più marcati fenomeni di degrado che portano al crollo delle strutture e allo spoglio del materiale di pregio. Soltanto nel corso del XIII sec. si assiste ad una vera e propria ripresa, quando ad un metro e mezzo sopra i ruderi romani vengono costruiti edifici civili di notevole impegno architettonico con materiali di pregio. In epoca medievale, sotto la signoria dei Visconti il palazzo diventa una vera e propria cittadella fortificata, quartiere generale delle truppe a presidio della fortezza.

Viridarium, torrione, scuderie
Ai Visconti succedono nel 1360 i Vicari pontifici, tra cui ricordiamo il grande diplomatico Egidio de Albornoz e Androino de la Roche, che nel 1360 acquista un complesso di 35 case sul lato nord dell'edificio per destinare l'area alla progettazione di un ampio giardino cinto da mura merlate e fortificate, sullo schema del palazzo pontificio di Avignone. Ingenti somme vengono investite nella realizzazione del viridarium, o giardino di palazzo, proprio nella parte più densamente edificata della città. Vicino al giardino trovano posto le stalle per i cavalli e gli alloggi per la guardia di palazzo pontificia. L'aspetto fortilizio si conserva fino al 1376 quando la città si ribella al Cardinal Legato e ottiene dal Papa il riconoscimento della propria autonomia, che sarà di breve durata perché nel 1401 Giovanni Bentivoglio occupa la piazza e si proclama padrone della città. Nell'autunno del 1506 Giulio II entra in Bologna e caccia i Bentivoglio. Due anni più tardi il palazzo si consolida come fortezza con la costruzione del Torrione verso il Canton de' Fiori. Altri interventi significativi della struttura avvengono tra il 1554 e il 1555 per opera degli architetti Stefano Grandi e Antonio Morandi che dirigono i lavori di ristrutturazione degli interni delle >scuderie< e sostituiscono i vecchi pilastri con due serie di colonne tuscaniche, facendo assumere al luogo l'aspetto di una "basilica".

L’orto dei semplici
Nel 1568 Ulisse Aldrovandi trasforma il viridarium del Cardinal Legato in Orto botanico con aiuole di forme geometriche sul modello del Giardino dei Semplici di Padova (1545) e del Giardino Pisano 1547). L’orto dei semplici deriva il suo nome da una classificazione medievale attribuita alla Scuola di Salerno che elencava le erbe di base, ritenute essenziali per una buona farmacopea: timo, rosmarino, salvia, maggiorana, acetosella, ecc.. Ulisse Aldrovandi è custode dell’Orto botanico per 50 anni e lo arricchisce con specie esotiche provenienti dall’India, dall’Africa e dall’America: un vero e proprio laboratorio di sperimentazioni naturalistiche a cui si fa risalire la nascita della moderna botanica. La pianta dell’orto era formata da quattro parterres rettangolari a disegni diversi, che contenevano quattro vasche per l’irrigazione I resti della vasca cruciforme, dedicata alla coltura delle piante acquatiche, sono visibili nel riquadro a nord-ovest dello >scavo archeologico<. Il sistema di irrigazione era regolato dalla cisterna situata al centro dell’orto, oggi evidenziata dal “semicerchio” sul pavimento della >piazza coperta<. Nel 1587, Francesco Morandi detto “il Terribilia” costruisce sopra la cisterna una deliziosa edicola corinzia, trasferita nel 1886 nel cortile della Pinacoteca in occasione della costruzione della futura Sala Borsa. Una replica dell’opera è oggi visibile nel cortile del pozzo di Palazzo d’Accursio.

Da orto a campo di addestramento
Nel 1765 l'Orto botanico viene trasferito in Via San Giuliano e successivamente durante il periodo napoleonico, nella sede definitiva della Palazzina della Viola, dove ancor oggi è l'Orto botanico della facoltà di Agraria. Alla fine dell'800 si assiste quindi alla definitiva trasformazione del giardino di palazzo e gli ultimi atti della rimozione dell'antico orto pubblico lasciano spazio ad un cortile erboso, utilizzato per oltre un secolo come campo di addestramento delle milizie cittadine e di esercitazioni dei pompieri.

L'ingresso dal Nettuno
Nel 1870 la Giunta Municipale decide di utilizzare la parte del giardino confinante con il lato dell'attuale Piazza Nettuno per edificare la struttura semicircolare, l'attuale ingresso chiamato >esedra<, includendo alcune stanze a pianterreno degli appartamenti estivi del Cardinal Legato, e destinarla prima ad ufficio telegrafico ed in seguito a Residenza delle Regie Poste.

Dalla salvia alla ghisa
L'utilizzo di questa parte del palazzo di città come centro della vita economica e sociale si consolida sotto la spinta del Comitato promotore del progetto della nuova Sala Borsa. Gli imprenditori bolognesi che ne fanno parte intendono costruire al posto del giardino, del cortile e della cisterna un nuovo edificio destinato alle contrattazioni di borsa, alle operazioni di mercato e agli scambi commerciali. È così che il viridarium del Palazzo Apostolico antico di cinque secoli viene eliminato per far posto alla struttura in ferro di Sala Borsa, allora molto ammirata e innovativa.

Un grande lucernario
Tra il 1883-1886 viene edificato il padiglione in ghisa e vetro che conserva ancora l'originaria struttura a impianto basilicale con vasto corpo centrale illuminato >piazza coperta< da un lucernario. Il porticato è sorretto da una serie di arcate poggianti su esili colonne in ghisa, che sostengono una tettoia a quattro spioventi in armatura metallica. Il progetto, che ricalca in parte la Sala Borsa di Parigi, è caratterizzato dall'ampio uso del ferro, già utilizzato nella copertura a lucernario delle Regie Poste, risulta essere opera della ditta di Alfredo Cottrau e di Paolo Boubée, Impresa italiana di costruzioni metalliche di Napoli. Il progressivo calo delle contrattazioni commerciali e degli scambi determinano una costante e inesorabile caduta nel numero delle frequentazioni di Sala Borsa e provocano la chiusura definitiva delle sedi degli uffici operativi nel 1903.

La trasformazione degli anni Venti
In seguito, tra il 1917 e il 1920, negli anni dell'amministrazione socialista del Sindaco Francesco Zanardi, Sala Borsa accoglie un ristorante economico, alcuni sportelli bancari della Cassa di Risparmio e un ufficio dell'agenzia dell'Ente Nazionale Turismo. Nel 1922 la Cassa di Risparmio ottiene dal Comune l'uso dell'intera Sala Borsa per un periodo di 50 anni. Si vuole ampliare e rivalutare la struttura per recuperare il luogo alla sua funzione originaria di sede privilegiata delle transazioni e degli scambi.

Liberty e cemento armato
Nel 1924, a cura dell'ing. Francesco Tassoni, iniziano i lavori di costruzione del secondo e del terzo ballatoio che corrono attorno alla piazza coperta, in perfetta armonia con l'ordine di uffici già esistenti al piano terra. Il nuovo progetto comprende inoltre due splendide sale sotterranee >collamarini< con decorazioni a stucco e pitture in stile liberty, esaltate dalla luce di vetri trasparenti che illuminano i dipinti. È uno dei primi esempi realizzati a Bologna di struttura in calcestruzzo armato, molto innovativo nell'ambito delle costruzioni. La loro paternità risulta ancora incerta, ma viene tradizionalmente attribuita all'architetto bolognese Edoardo Collamarini, anche se trova maggior credito l'ipotesi di una collaborazione tra i più qualificati professionisti dell'epoca. L'inaugurazione della Sala Borsa suscita un notevole interesse e un folto numero di bolognesi assiste alla cerimonia solenne il 17 luglio 1926 alla presenza del ministro delle finanze, il conte Volpi di Misurata. I lavori continuano fino al 1930, quando l'invaso sotterraneo della cisterna, progettata nel 1587 da Pietro Fiorini sul lato settentrionale del viridarium, viene trasformato in stanza blindata in uso della banca.

Dal secondo dopoguerra agli anni cinquanta
Nel dopoguerra vengono effettuati numerosi interventi di adeguamento tecnologico fino a quando, negli anni Cinquanta, la piazza coperta si trasforma in palasport e ospita partite di pallacanestro e perfino incontri di pugilato. Mentre durante il giorno si svolgono le normali operazioni di affari, di sera i custodi puliscono il pavimento e montano i canestri per gli allenamenti delle squadre. I giorni delle partite il parterre laterale e i ballatoi si riempiono di tifosi e la >piazza coperta< diventa una vera fossa dei leoni.

Dai Burattini ai libri
Nel 1976, all'interno del Torrione del Canton de' Fiori, antico lato nord della fortezza di palazzo, oggi sede della biblioteca >ragazzi<, viene inaugurato il primo e forse unico Teatro stabile dei burattini, il famoso "Teatrén di buratén", diretto da Demetrio Presini e operante fino agli anni Novanta.

Oggi
In anni più recenti Sala Borsa diventa sede di uffici amministrativi del Comune di Bologna. I primi interventi di recupero dell'area rientrano nell'ambito del più vasto progetto di riqualificazione denominato Parco urbano di Piazza Maggiore, che nel 1989 imprime una svolta significativa nella destinazione della piazza coperta a luogo dedicato alla cultura. L'ultima ristrutturazione di Sala Borsa ha rispettato l'impianto architettonico preesistente e la stratificazione degli edifici che si è formata in sette secoli di storia urbana, a testimoniare ancora una volta la centralità del luogo nella sua nuova destinazione di biblioteca, piazza dei saperi e della cultura plurimediale contemporanea.