Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

2011

La Strada del Jazz

Viene ufficialmente inaugurata la Strada del Jazz. E' via Caprarie, a lungo crocevia bolognese del jazz internazionale. Qui era il Disclub di Alberto Alberti, primo negozio in Italia dedicato esclusivamente al jazz. Alberti, grande appassionato di questo genere musicale organizzò, a partire dal 1958 il Festival Jazz, che consacrò Bologna come una delle capitali europee di questa musica, prima di passare il testimone a Perugia e a Umbria Jazz. Al civico 3 di via Caprarie viene murata una targa, che ricorda il Disclub, alla presenza del sindaco Merola e del regista Pupi Avati; sul marciapiede di sotto compare una stella dedicata a Chet Baker, uno dei più grandi musicisti jazz in assoluto, che Bologna praticamente adottò. Nel 2012 la seconda stella sarà dedicata a Miles Davis, scelto tra un ristretto novero di grandi jazzisti ospiti del festival bolognese. Un'altra stella sarà apposta al centro di via Orefici, omaggio a Lucio Dalla, che qui ha mosso i primi passi come musicista jazz. Si profila, nelle intenzioni di Paolo Alberti, fratello di Alberto, la creazione di una piccola Hollywood Boulevard del jazz bolognese, con l'inaugurazione ogni anno di una nuova stella, in occasione di una festa musicale, che animerà per una sera le strade del centro cittadino.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Lapide in via Caprarie dedicata a Alberto Alberti e al suo Disclub La stella per Chet Baker - 2011 La stella per Miles Davis - 2012 La stella deidcata a Lucio Dalla in via Orefici

Approfondimenti:

Ivano Adversi, Buonanotte suonatori. Luoghi e protagonisti del jazz a Bologna, Argelato, Minerva, 2009
Giampiero Cane, Bologna Jazz, Bologna, Ogni uomo è tutti gli uomini, 2007
Nardo Giardina, Bologna, la città del jazz, Bologna, CLUEB, 2002

Internet:

Bologna, la Strada del jazz http://www.lastradadeljazz.it