Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

2008

"Notte bianca" nelle scuole

Le scuole elementari e medie di Bologna restano aperte per una “notte bianca” di protesta contro il decreto di riforma del ministro Gelmini.

Si tratta di una iniziativa soprattutto giocosa, con artisti di strada, musicisti e personaggi del mondo dello spettacolo. Gli insegnanti hanno l’appoggio di molti genitori.

Numerose anche nei giorni successivi sono le iniziative in difesa della scuola pubblica: cortei nei quartieri con pentole, bambini mascherati da fantasmini, “perché la scuola pubblica non sia ridotta a un fantasma”.

Nelle scuole superiori le occupazioni prevedono assemblee e laboratori con la partecipazione di professori e personaggi della cultura.

Il 17 ottobre i ragazzi del liceo Minghetti portano la protesta fuori della scuola, facendo lezione, con tanto di banchi e sedie, sotto la statua del Nettuno.

All’Università, alle prime assemblee a Lettere e Scienze Politiche, seguono occupazioni e manifestazioni in altre facoltà.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Una lezione in piazza contro la riforma del ministro Gelmini Occupazione al Liceo Minghetti contro il decreto del ministro Gelmini Occupazione al Liceo Minghetti contro il decreto del ministro Gelmini

Approfondimenti:

  • Gabriele Bonazzi, Bologna nella storia, Bologna, Pendragon, 2011, vol. II, Dall'Unità d'Italia agli anni Duemila, p. 323