Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

2003

Chiude la caserma-deposito di Casaralta

La caserma Sani di Casaralta viene dismessa. Ospitava magazzini, palazzine e edifici produttivi (tra i quali due silos e un fabbricato frigorifero). Era collegata con un binario dedicato alla rete ferroviaria nazionale.

Dal 1940 il complesso aveva sostituito il carnificio dell’Esercito ed era diventato un importante deposito di derrate alimentari per l'Esercito.

Dal 2007 l'area passerà al Demanio pubblico e farà parte delle strutture militari da riqualificare, sulla base dell'intesa con il Comune di Bologna. Gli edifici della caserma ospiteranno in futuro abitazioni, attività commerciali ed artigianali. Saranno previsti anche spazi per attività ricreative e culturali e strutture ricettive per i giovani (hotel, ostelli).

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Targa d Cartello che indica il confine della caserma a Casaralta (BO) Uno dei silos della caserma di Casaralta in via di demolizione nel 2012 Binario di servizio dello strabilimento militare di Casaralta Zona militare - Limite invalicabile - Caserma Sani a Casaralta (BO) Fabbricato della caserma - stabilimento militare di Casaralta (BO) Uno degli edifici più antichi della ex caserma di Casaralta Limite invalicabile - ex caserma Sani (BO) Resti di scambio ferroviario nei pressi della ex caserma Sani (BO) Binario di servizio dello strabilimento militare di Casaralta

Approfondimenti:

  • Domenico Alvisi, Storia minima di un balilla mancato, Bologna, Rabbi, stampa 2010, p. 225
  • Agenti metropolitani. Progetti per Bologna, a cura di Raffaela Coppari, Alice Perugini e Alice Prospero, Bologna, Compositori, 2009, pp. 50-51