Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1990

Apre a Villa Spada il Museo della Tappezzeria

Nella nuova sede di Villa Spada è inaugurato il Museo storico didattico della Tappezzeria.

La villa, costruita nei primi anni dell'800 dall'ingegnere Giovanni Battista Martinetti (1764-1830) e ornata di un magnifico giardino all'italiana, è stata a lungo abbandonata e ha perso gran parte delle sue decorazioni.

Si è salvata la stanza "boschereccia", dipinta probabilmente da Filippo Pedrini  (1763-1856).

La raccolta di tessuti è nata nel 1946 per iniziativa del tappezziere Vittorio Zironi (1916-1999) e si è in seguito estesa, fino a divenire una collezione di livello internazionale.

Essa testimonia tra l'altro la tradizione bolognese di produzione e tessitura della seta e l'esperienza più recente di Aemilia Ars, anche grazie all'archivio donato dal pittore Guido Fiorini.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Villa Spada - sede del Museo della Tappezzeria Il giardino all Ingresso del Museo della Tappezzeria

Approfondimenti:

  • Giovanna Bonani, Marco Poli, Da 75 anni per Bologna. La Fameja bulgneisa, 1928-2003, Bologna, Costa - Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, 2003, p. 52
  • Dalla bottega al museo. Vittorio Zironi e il Museo storico didattico della tappezzeria di Bologna, Firenze, Aida, 2000
  • Tiziano Costa, Bologna '900. Vita di un secolo, 2. ed., Bologna, Costa, 2008, p. 184 (foto)
  • Giancarlo De Angelis, Terra di frontiera. Politica, amministrazione, professionalità a servizio dei cittadini e di Bologna, Bologna, a cura dell'autore, 2015, p. 47
  • Giancarlo De Angelis ... et al., A villa Spada il Museo della Tappezzeria, in "Bologna. Mensile dell'Amministrazione comunale", 3 (1989), pp. 33-35
  • Un museo per l'Europa. Memorie e testimonianze da leggere e da vedere del Museo storico didattico della tappezzeria, a cura di Stefano Zironi, Casalecchio di Reno, Grafis, 1996
  • Eugenio Riccomini, Il perditempo. Altre passeggiate per Bologna, Bologna, Nuova Alfa, 1991, pp. 66-68
  • Eugenio Riccòmini, Il perditempo. Passeggiate per Bologna, nuova ed., Bologna, Tipoarte, 2000, pp. 205-207
  • Andrea Santucci, Damaschi, broccati, arazzi tessuti come la città, in "2000 incontri. Mensile di Bologna e dell'Emilia Romagna", 12 (1990), pp. 36-37
  • Oriano Tassinari Clò, Il Museo della Tappezzeria nel "Palazzo del Ravone". La rinascita di Villa Spada, Bologna, Patron Editore, 1991
  • Oriano Tassinari Clò, Il Museo della tappezzeria nel Palazzo di Ravone. La rinascita di Villa Spada, in: "Strenna storica bolognese", 41 (1991), pp. 397-422
  • Stefano Zironi, Il Museo storico-didattico della Tappezzeria in Bologna, in "Strenna storica bolognese", 1977, pp. 353-367
  • Stefano Zironi, Francesca Ghiggini, Una raccolta bolognese per la storia della tappezzeria, in Il filo della storia. Tessuti antichi in Emilia-Romagna, a cura di Marta Cuoghi Costantini, Iolanda Silvestri, Bologna, CLUEB, 2005, pp. 211-214