Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1986

Bagnarola e l'Accademia dei Notturni

Giovanni Tamburini (1951-), erede dell’antica salsamenteria Benni di via Caprarie, uno dei luoghi più rinomati e conosciuti della gastronomia bolognese, acquista la seicentesca villa Ranuzzi Cospi a Bagnarola di Budrio, con l’idea di realizzare un ambiente conviviale e ristorativo-celebrativo.

Nasce così l’Accademia dei Notturni - ripresa della società culturale fondata alla fine del Settecento da Prospero Ranuzzi Cospi - che negli anni successivi ospiterà congressi, corsi di cucina ad alto livello e, per alcuni mesi all’anno, sarà sede dell'Academy of Italian Food and Wine di New York.

Nel Cinquecento i Malvezzi estesero il loro feudo di Selva a Bagnarola, zona bonificata e ricca di acque nel territorio di Budrio, per farne luogo di villeggiatura e convegni mondani e lo costellarono di palazzi e ville.

La prima villa, un tempo appartenuta ai Cospi, fu acquistata da Aurelio Malvezzi e venne poi notevolmente ampliata e arricchita di decorazioni e opere d'arte.

Vi lavorò Angelo Michele Colonna (1604-1687), il più illustre decoratore del tempo, assieme a figuristi come Gerolamo Curti, detto il Dentone (1575-1632) e Domenico Ambrogi, detto Meneghino dei Brizzi (1600-1678), prezioso collaboratore di Velasquez.

Poco distante, sul luogo di una delizia di Giovanni II Bentivoglio, il marchese Floriano Malvezzi Campeggi costruì nel 1737 la grande villa con parco - sua personale Versailles - architettata da Alfonso Torreggiani (1682-1764).

Ha una lunga facciata centrale, porticata alla base, che si incurva a ferro di cavallo. Il prospetto di mezzogliorno fu invece fatto edificare nel 1818 da Antonio Malvezzi, su progetto di Angelo Venturoli (1749-1821). All'interno c'è un teatrino ideato da Ferdiando Galli Bibiena (1657-1743).

Un tempo qui "si davano convegno dame e cavalieri, abati e cardinali, tanti fiori bordavano i prati, riempivano i giardini e il verde delle cinture di piante e lo svettare dei cipressi, aggiungevano tinte liete alle pietre e vivacità alle statue, allegro scrosciare alle fontane" (Beseghi).

Sui prati del "Floriano" si svolgevano ricevimenti, balli, tornei, con ospiti famosi. Nelle sale della villa e nel teatro si tenevano spettacoli e accademie.

Le dimore dei Malvezzi e dell'Odorici a Bagnarola furono un esempio notevole della vita mondana nel Settecento bolognese.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Sala ristorante dell La loggia di Villa Ranuzzi Cospi a Bagnarola di Budrio (BO) Ritratto di Ferdinando Ranuzzi Cospi nella loggia dell Villa Ranuzzi Cospi a Bagnarola di Budrio sede dell Villa Ranuzzi Cospi a Bagnarola - Budrio (BO) Villa Malvezzi il Floriano - Bagnarola di Budrio (BO) - ingresso Palazzo Odorici detto Palazzo di Sopra - Bagnarola di Budrio (BO) Palazzo Odorici - Bagnarola di Budrio (BO) - Edifici della fiera Palazzo Ranuzzi Cospi - Bagnarola di Budrio (BO) - la cappella

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Umberto Beseghi, Castelli e ville bolognesi, Bologna, Tamari, 1957, pp. 309-325
  • Guida culturale industriale commerciale artigianale e turistica di Bologna e provincia, a cura di Renato Coppe, Bologna, Aniballi, 1988, p. 218 sgg.
  • Tiziano Costa, Marco Poli, Il Quadrilatero: cuore antico di Bologna, Bologna, Costa, 2005, p. 22