Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1983

Il film "Una gita scolastica" di Pupi Avati

Ambientato nel 1914, girato in buona parte nel borgo di Castelluccio, vicino a Porretta, il film Una gita scolastica è il racconto di una gita-premio che gli alunni di una classe di liceo di Bologna fanno a piedi attraverso l'Appennino fino a Firenze.

Protagonisti sono gli allievi diplomandi dell'Accademia d'Arte Drammatica dell'Antoniano, benemerita istituzione attiva dal 1955.

Regista del film è il bolognese Pupi Avati, che in città ambienterà molti altri suoi lavori (Regalo di Natale, Noi tre, Impiegati, Il cuore altrove, Ma quando arrivano le ragazze), utilizzando spesso attori locali.

Tra questi sono Nick Novecento, Stefano Accorsi e il fidatissimo Gianni Cavina, con lui già nella suo primo film, l'esoterico Balsamus, l'uomo di Satana" (1968), girato nella Rocchetta Mattei a Riola.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Il regista Pupi Avati - Archivio fotografico: Fondazione Cineteca di Bologna

Approfondimenti:

  • 051. 2012-1970. Bologna: identità e memoria, a cura di Giuliana Santarelli, Bologna, Bononia University Press, 2012, p. 52
  • Serena Bersani, Forse non tutti sanno che a Bologna... Curiosità, storie inedite, misteri, aneddoti storici e luoghi sconusciuti della città delle due torri, Roma, Newton Compton, 2016, p. 298
  • Il cinema di Pupi Avati, a cura di Antonio Maraldi, Cesena, Il ponte vecchio, 2003
  • Dizionario dei bolognesi, a cura di Giancarlo Bernabei, Bologna, Santarini, 1989-1990, vol. 1., p. 69
  • 'Emilia-Romagna sul grande schermo. Breve storia del nostro cinema dal dopoguerra ad oggi, a cura di Anna Di Martino e Davide Zanza, english version, Bologna, Consulta degli emiliano romagnoli nel mondo Regione emilia-Romagna, 2007, p. 50
  • Paolo Ferrari, E' accaduto in città, foto di Paolo Ferrari, Trieste, Foto Viva, Bologna, Camera Chiara, 2007, pp. 10-13 (foto)
  • I giorni di Bologna Kaputt, a cura di Luca Goldoni, Aldo Ferrari, Gianni Leoni, s.l., Edizioni giornalisti associati, 1980, p. 196
  • Fabio Melelli, Francesco Rondolini, Bologna. Il cinema sotto i portici, Perugia, Morlacchi, 2014, pp. 23-25
  • Filippo Raffaelli, Fabio Raffaelli, Hollywood di casa nostra. Emilia Romagna e Marche, Bologna, Consorzio fra le banche popolari dell'Emilia-Romagna e Marche, 1996, p. 237 sgg.
  • Renzo Renzi, Perche è vera la Bologna falsa di Pupi Avati, in "Bologna incontri. Mensile dell'Ente provinciale per il turismo di Bologna", 1 (1980), pp. 16-17
  • Riccardo Rolfini, Dolce amarcord nei casolari della montagna. Cinema Pupi Avati, in "Almanacco di Bologna", (1989), pp. 50-51
  • Le terme, a cura di Remigio Barbieri, con la collaborazione di Lorenzo De' Maiti, Roma, L'Unità, 1995, p. 5