Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1970

La Compagnia dell'Arte dei Brentadori

Vittorio Rocchi, proprietario dell'albergo “Alla Rocca” di Bazzano promuove la ricostituzione dell'antica Compagnia dell'Arte dei Brentadori, testimoniata nel 1250 dagli Statuti comunali di Bologna.

I brentadori erano addetti al trasporto del vino, con speciali gerle a forma conica. Oltre che trasportarlo, lo assaggiavano, ne valutavano il prezzo e ne riscuotevano la tassa.

In caso di incendio, poi, erano tenuti a intervenire con le loro brente - in questo caso riempite d'acqua - per coadiuvare allo spegnimento.

Avevano sede nell'attuale via dei Pignattari, nel pieno centro della città e a pochi passi dalla chiesa di S. Ambrogio e dalla prima sede del Comune, posta in vicolo Colombina. La Compagnia fu soppressa nel 1800, in piena epoca napoleonica.

La nuova compagine si dedica al recupero di tradizioni e prodotti del territorio, in particolare del vino, e alla segnalazione e identificazione degli antichi percorsi collinari, attraverso i quali i Brentadori trasportavano il vino in città.

La cerimonia dell' “intronizzazione” riprende le antiche usanze e gli abiti sontuosi disegnati nel '600 dal Mitelli. All'invito del Consiglio, con la formula "Bevi o vattene!" i nuovi membri rispondono bevendo d'un fiato un calice di vino e il Maestro sfiora loro le spalle con un tralcio di vite centenario.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Un antico Brentadore con la caratteristica "brenta" da vino sulle spalle L L

Localizzazioni:

Google Maps - via Contessa Matilde, 10 - Rocca di Bazzano - Valsamoggia (BO)
Google Maps - via dé Pignattari 11 - Bologna

Approfondimenti:

Tomaso Garzoni, La piazza universale di tutte le professioni del mondo, a cura di Paolo Cherchi e Beatrice Collina, Torino, G. Einaudi, 1996, vol. 2., p. 1276 sgg.


Giuseppe Maria Mitelli, Le arti per via a Bologna, Bologna, Tamari, 1969


Alessandro Molinari Pradelli, Osterie e locande di Bologna. La grassa e la dotta in gloria della tavola: folclore, arte, musica e poesia nelle tradizioni contadine e gastronomiche della città felsinea, Roma, Newton Compton, 1980, pp. 79-86


Marco Poli, Bologna com'era, Argelato, Minerva, 2020, p. 150