Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1969

Piano di salvaguardia collinare

Il comune adotta una variante al Piano regolatore per la salvaguardia della collina a sud della città dalla speculazione edilizia.

Poco dopo viene inaugurato il parco Cavaioni lungo la via di Casaglia, 40 ettari di bosco e prati. L'area di verde pubblico è subito collegata al centro da un servizio di autobus.

Ai piedi della collina è acquistato e aperto al pubblico il parco di Villa Spada, che comprende anche il palazzo storico e un monumentale giardino all'italiana.

Nel corso degli anni Settanta saranno aperti altri quattro parchi collinari, in grandi aree verdi di 25-30 ettari ciascuna: il Paleotto, Forte Bandiera, Paderno e Villa Ghigi.

Quest'ultima area, donata al Comune dalla famiglia dell'ex rettore dell'Alma Mater Alessandro Ghigi, si trova, in posizione panoramica, molto vicina al centro ed è ricca di contenuti naturalistici e storici di grande rilievo.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Parco Cavaioni (BO) Parco Cavaioni (BO) Parco Cavaioni (BO) Villa Spada - via di Casaglia (BO) Villa Spada - via di Casaglia (BO) Villa Spada - via di Casaglia (BO) Villa Ghigi - via San Mamolo (BO) Villa Ghigi - via San Mamolo (BO) Villa Ghigi - via San Mamolo (BO)

Approfondimenti:

  • Approvata dal consiglio comunale la variante al Piano regolatore per la zona collinare, in: "Comune di Bologna. Notiziario settimanale", 14 (1967), p. 1
  • Claudio Bertolazzi, Un piano per Bologna. Argomenti di un dibattito sull'urbanistica, Riccione (FO), Zivieri, 1989, pp. 35-36
  • "Bologna. Notizie del Comune", supplemento verde, 15 luglio 1974
  • Giuseppe Campos Venuti, L'urbanistica riformista, Milano, ETAS libri, 1991, p. 224, 230-232
  • I centri storici. Politica urbanistica e programma di intervento pubblico: Bergamo, Bologna, Brescia, Como, Gubbio, Pesaro, Vicenza, a cura di Francesco Ciardini e Paola Falini, Milano, G. Mazzotta, 1978, p. 151
  • Sviluppo urbanistico e produzione edilizia a Bologna, Bologna, Collegio Costruttori Edili ed Imprenditori Affini della Provincia di Bologna, 1975, p. 87