Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1968

Nuovo contratto per le mondariso

Il contratto interprovinciale di monda del riso comporta alcune migliorie per le mondine forestiere. Nella campagna del 1968 esse possono dormire su materassi di resina invece che sulla paglia, hanno diritto ogni giorno a 500 gr di pane, 60 gr di fagioli, 1/4 di litro di latte e una porzione di 300 gr di riso o pasta. Una volta alla settimana ottengono un taglio di formaggio da 400 gr e altrettanto di carne.

Negli anni trenta le mondine erano circa 400.000 in Italia, impiegate soprattutto in Piemonte e Lombardia. Negli anni Cinquanta si assiste a un fenomeno di migrazione interregionale di proporzioni bibliche.

La grande maggioranza delle donne che lasciano le loro famiglie e le loro case per andare a lavorare nelle risaie di Pavia, Novara e Vercelli provengono dai paesi dell'Emilia Romagna.

Nella provincia di Bologna sono interessati tutti i paesi della Bassa padana, da Malalbergo a Medicina. La monda del riso dalle malerbe sarà fatta a mano fino alla fine degli anni Sessanta, poi la chimica verrà in soccorso dei risicoltori, mettendo a disposizione prodotti, che eliminano le infestanti senza danneggiare le erbe coltivate.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Mondine al lavoro - N. Zamboni, S. Bolzani - San Pietro in Casale (BO) Mondine al lavoro - N. Zamboni, S. Bolzani - San Pietro in Casale (BO) Mondine al lavoro - N. Zamboni, S. Bolzani - San Pietro in Casale (BO) Mondine al lavoro - N. Zamboni, S. Bolzani - San Pietro in Casale (BO) Mondine al lavoro - N. Zamboni, S. Bolzani - San Pietro in Casale (BO) Mondine al lavoro - N. Zamboni, S. Bolzani - San Pietro in Casale (BO) Mondine al lavoro - N. Zamboni, S. Bolzani - San Pietro in Casale (BO) Le mondine - N. Zamboni, S. Bolzani - Bentivoglio (BO) Le mondine - N. Zamboni, S. Bolzani - Bentivoglio (BO) Le mondine - N. Zamboni, S. Bolzani - Bentivoglio (BO)

Approfondimenti:

  • La campagna delle donne. Il lavoro e i suoi prodotti nell'alimentazione, nell'arte e nel paesaggio, Bologna, Provincia di Bologna, 2013, pp. 15-21, 73-74 (foto di E. Pasquali), 95-100
  • Maurizio Garuti, La memoria dell'acqua nella pianura bolognese, Bologna, Pendragon, 2008, pp. 82-93 (foto)
  • Gabriele Girella, C'erano una volta le risaie, in: I tesori della tavola in Emilia Romagna, a cura di Giancarlo Roversi e Donatella Luccarini, Zola Predosa, L'inchiostroblu, 1998, pp. 111-113
  • Elena Marzadori, Braccianti e mondine medicinesi nel dopoguerra, in: "Brodo di serpe. Miscellanea di cose medicinesi", 8 (dic. 2010), pp. 94-99
  • Giorgio Pedrocco, Arretratezza e modernizzazione delle campagne emiliane negli anni tra le due guerre mondiali, in: Da Piacenza a Ferrara: i contadini di Paul Scheuermeier, a cura di Claudia Giacometti, Giorgio Pedrocco, Massimo Tozzi Fontana, Bologna, Compositori, 2012, pp. 33-34

  • Riso amaro, un film di Giuseppe De Santis, a cura di Paolo Mereghetti, Milano, Corriere della Sera, 2009, dvd
  • Angela Verzelli, Paola Zappaterra, La vita, il lavoro, le lotte. Le mondine di Medicina negli anni Cinquanta, San Giovanni in Persiceto, Aspasia, 2001