Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1968

La lunga occupazione dell'Istituto di Fisica e la contro occupazione dei professori

L'Istituto di Fisica “A. Righi” dell'Università è occupato a partire dal 14 febbraio. Gli studenti avviano una serie di “controcorsi”. Il 20 febbraio invitano i sindacati ad un incontro sui problemi della disoccupazione tecnologica. Il 22 si tiene un meeting per il Vietnam.

Il 16 marzo gli occupanti respingono un referendum, ritenuto ricattatorio, sulla ripresa degli esami. Il 22 marzo si dimette il direttore dell'Istituto, prof. Ceccarelli, che firma il documento dell'occupazione.

L'8 aprile un gruppo di docenti, alcuni dei quali molto noti in campo scientifico, effettuano una contro-occupazione, barricandosi dentro l'Istituto nucleare, con l'intenzione di riprendere l'attività didattica e di ricerca. Il fatto ha grande risalto sui media nazionali.

Per tutta risposta gli studenti picchettano l'ingresso per isolarli e occupano la sede centrale dell'Università. L'agitazione a Fisica continuerà fino all'inizio di maggio, provocando tra l'altro le dimissioni del rettore Felice Battaglia.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Marcello Ceccarelli, L'avventura di vivere, a cura di Luisa Fabbrichesi Ceccarelli, Bologna, Pendragon, 2004
  • Paola Dessì, Settanta giorni. Storie di occupazione dell'Istituto di Fisica di Bologna, in: Le istituzioni universitarie e il Sessantotto, a cura di Alessandro Breccia, Bologna, CLUEB, 2013, pp. 267-277
  • E' successo quel '68. Appunti fotografici, ricerca fotografica e testi delle fotografie Luciano Nadalini, Bologna, Regione Emilia-Romagna Assemblea legislativa, 2018, pp. 36-37, 130
  • Andrea Rapini, Tra università, piazze e fabbriche: cronologia del movimento studentesco bolognese (1967-1969), in: Tra immaginazione e programmazione: Bologna di fronte al '68. Materiali per una storia del '68 a Bologna, a cura di Carmelo Adagio ... et al., Milano, Edizioni punto rosso, 1998, p. 20
  • Studenti a Bologna 1967-1968, a cura di Marco Capponi, Bologna, Istituto Gramsci Emilia-Romagna, 1989, pp. 31-32, 52-72