Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1968

Luciano De Vita scenografo al Teatro Comunale

Lo scultore Luciano Minguzzi introduce l'incisore Luciano De Vita nell'ambiente del Teatro Comunale. Nato ad Ancona nel 1929, De Vita si è trasferito a Bologna nel 1949 ed è stato assistente di Giorgio Morandi all'Accademia. Dal 1962 è professore a Brera. Nel 1969 sarà autore delle scene e dei costumi della "Turandot" e nel 1971 dell'"Otello" curato da Raoul Grassilli. Seguiranno altre collaborazioni negli anni successivi, fino all'"Aida" del 1981, per la quale sarà anche regista. Dal 1975 al 1992, anno della sua prematura scomparsa, De Vita insegnerà nuovamente all'Accademia di Bologna, prima come assistente di Paolo Manaresi, poi come titolare della cattedra di Tecniche dell'Incisione.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

L'avventura di Luciano De Vita scenografo. Scene, costumi e bozzetti per il Teatro Comunale di Bologna, Bologna, Teatro Comunale, 1993
I cento anni del liceo Galvani. 1860-1960, Bologna, L. Cappelli, 1961, pp. 1133-1134
Emilio Contini, Anni con Luciano De Vita, in "Art Journal", 2.39 (2010), p. 23
Luciano De Vita. Incisioni 1952-1982, a cura di Marilena Pasquali e altri, Grizzana Morandi, Comune, 2009
Luciano De Vita, 1 maggio-8 giugno 1975, a cura di Andrea Emiliani, Bologna, Grafis, 1975
Luciano De Vita: le prime acqueforti, 1950-1956, a cura di Marilena Pasquali, Bologna, Grafis, 1997
Quadri in Regione. Le collezioni d'arte moderna del Consiglio e della Giunta dell'Emilia-Romagna, a cura di Orlando Piraccini, Bologna, Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 1998, pp. 31-32 (L. De Vita)
Piero Paoli, Luciano De Vita scenografo, in "Bologna ieri, oggi, domani", 18 (1993), pp. 10-11
Scene e costumi di Luciano De Vita, Bologna, Galleria de' Foscherari, 1969