Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1966

Un calcolatore elettronico in Comune

Il Comune di Bologna delibera di trasformare i propri servizi meccanografici con l'adozione di un calcolatore elettronico. Il 25 ottobre 1966 firma un contratto di fornitura con la ditta IBM.

E' previsto che l'impianto, dotato di una vastissima memoria centrale e di potentissimi circuiti logici, sia collegato, per mezzo di una linea telefonica, con terminali situati nei quartieri. I cittadini potranno farsi rilasciare 37 tipi di certificati anagrafici accedendo a sportelli decentrati.

L'elaboratore IBM 360 appartiene alla terza generazione degli elaboratori elettronici, quella dei microcircuiti. Può trascrivere l'elenco completo dei cittadini di Bologna in meno di un giorno. Il centro elettronico comunale entrerà in funzione in fase sperimentale il 7 ottobre 1968.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Le certificazioni anagrafiche e altri servizi affidati a un calcolatore elettronico del comune, in “Comune di Bologna. Notiziario settimanale”, 28 (1966), p. 1, 3
  • Il nuovo e funzionale impianto elettronico del comune per la gestione dei servizi anagrafici e certificativi, in “Comune di Bologna. Notiziario settimanale”, 44 (1968), pp. 1, 10-12
  • Inaugurato il nuovo centro elettronico, in “Comune di Bologna. Notiziario settimanale”, 45 (1968), pp. 1, 6-7