Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1966

L'adeguamento liturgico della cripta di San Pietro

Per scelta del cardinale Giacomo Lercaro la cripta della cattedrale di San Pietro diviene la prima opera di adeguamento dello spazio ecclesiale alla nuova costituzione liturgica approvata dal Concilio Vaticano II.

Della trasformazione sono incaricati gli architetti redattori della rivista "Chiesa e Quartiere" (Trebbi, i Gresleri, Scolozzi). Nel corso dei lavori, che durano tre anni, vengono alla luce reperti di epoca romana.

Sopra un Golgota ricavato con reperti storici è collocato un trittico di epoca ottoniana. Accanto, anche una Pietà del Lombardi è recuperata da una collocazione precaria.

La sistemazione voluta dal cardinale sarà in gran parte annullata dai suoi successori, nel corso di lavori di sistemazione della chiesa superiore.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La cripta della cattedrale di San Pietro (BO) nel 2011 La tomba del card. Giacomo Lercaro nella cattedrale di S. Pietro (BO)

Approfondimenti:

  • Architettura per lo spazio sacro. Mostra internazionale di architettura dello spazio sacro, Bologna, 20 settembre-20 ottobre 1996, a cura di Fabrizio I. Apollonio, Torino, Allemandi, 1996
  • G. Bernabei, G. Gresleri, S. Zagnoni, Bologna moderna, 1860-1980, Bologna, Patron, 1984, pp. 222-223
  • Glauco Gresleri, L'adeguamento liturgico postconciliare della cripta della cattedrale di San Pietro in Bologna. 1965-1966, in Le Cattedrali dell'Emilia-Romagna. Storia, arte, liturgia. Lo stato di adeguamento delle chiese cattedrali della Regione Ecclesiastica Emilia-Romagna alla riforma liturgica del Concilio Vaticano 2., a cura di Giorgio Della Longa, Antonio Marchesi, Massimiliano Valdinoci, Rovereto, Nicolodi, 2007, pp. 449-452