Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1963

Il Gruppo '63

Durante un convegno, che si tiene a Palermo in ottobre, si costituisce il Gruppo '63.

E' formato da giovani poeti, come Elio Pagliarani, Edoardo Sanguineti, Antonio Porta, Nanni Balestrini, da scrittori e studiosi, che si pongono come movimento di avanguardia e di rottura con la tradizione letteraria corrente.

Il Gruppo è attivo per tutti gli anni Sessanta, con una impronta decisamente sperimentale. Un ruolo consistente vi hanno intellettuali bolognesi di nascita o di adozione, come Renato Barilli, Giorgio Celli, Fausto Curi, i fratelli Guglielmi.

Altri protagonisti del gruppo giungeranno a Bologna più avanti, come docenti del Dams: da Umberto Eco a Alfredo Giuliani, a Gianni Celati.

Notevole è l'influenza del critico e studioso Luciano Anceschi (1911-1995), promotore della rivista "Il Verri" e professore di estetica all'Alma Mater.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Andrea Battistini, La cultura umanistica a Bologna, in Renato Zangheri, Bologna, Roma (ecc.), Laterza, 1986, p. 352
  • Gruppo 63. Critica e teoria, a cura di Renato Barilli, Angelo Guglielmi, nuova ed., Torino, Testo & immagine, 2003
  • Gruppo 63. L'antologia, a cura di Nanni Balestrini, Alfredo Giuliani, Torino, Testo & immagine, 2002
  • Il Gruppo 63 quarant'anni dopo. Bologna, 8-11 maggio 2003. Atti del Convegno, a cura di Niva Lorenzini, Fausto Curi, Renato Barilli, Patrizia Cuzzani, Bologna, Pendragon, 2005
  • Eugenia Marcantoni Zambon, La libreria Feltrinelli, in F.I.L.D.I.S., Federazione italiana laureate e diplomate istituti superiori Bologna, Cenacoli a Bologna, Bologna, L. Parma, 1988, p. 113
  • Romina Sommadossi, La cultura letteraria del '900 a Bologna, in Atlante dei movimenti culturali dell'Emilia-Romagna. Dall'Ottocento al contemporaneo, a cura di Piero Pieri e Luigi Weber, Bologna, CLUEB, 2010, v. 3., pp. 13-14