Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1960

Un nuovo corso della politica urbanistica comunale

Arriva a Bologna l'architetto Giuseppe Campos Venuti, che in quegli anni, all'interno dell'INU, si batte per l'adozione di piani urbanistici. Egli chiama al Comune un gruppo di giovani tecnici, provenienti dalla Facoltà di architettura di Firenze.

La politica urbanistica ha il compito di rendere visibile e concreto il rinnovamento promosso dall’amministrazione comunale, basato sullo spareggio di bilancio, da utilizzare per investimenti in servizi a favore dei ceti popolari.

Campos Venuti promuove da subito una serie di studi settoriali: centri direzionali, edilizia popolare, centro storico, verde, scuole, trasporti.

Si formano coppie di studio a cui partecipano esperti locali e consulenti esterni prestigiosi, quali Leonardo Benevolo (1923-2017), Italo Insolera (1929-2012), Carlo Aymonimo (1926-2010).

La legge 167 sarà l’occasione per una grande battaglia politica: sottrarre una buona parte del suolo pubblico alla speculazione privata, attraverso un grande Piano per l'edilizia economica e popolare (PEEP), che sarà varato nel 1964.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Angelo Varni, Dalla Liberazione agli anni Ottanta, in: Storia di Bologna, direttore: Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. IV tomo 2., p. 611