Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1960

Tanta Virtus nell'Italia del basket quarta a Roma

Alle Olimpiadi di Roma l'Italia si piazza quarta nel torneo di basket, dietro gli Stati Uniti, l'Unione Sovietica e il Brasile.

Dopo una iniziale batosta contro i “mostri” USA per 88 a 54 (42 a 17 dopo il primo tempo), la Nazionale ha superato l'Ungheria e il Giappone nel gruppo A della prima fase ed è giunta alle spalle del Brasile nel girone A della seconda fase, approdando alle finali.

Nel team azzurro militano numerosi atleti della Virtus Bologna: Mario Alesini (1931-2001), Antonio "Nino" Calebotta (1932-2002), il primo vero pivot nella storia della pallacanestro italiana, Achille Canna (1932- ), Augusto Giomo (1940-2016), Gianfranco Lombardi (1941- ), Gianfranco Sardagna (1935- ).

A Roma la Vu nera della Virtus brilla anche con lo schermidore Gian Paolo Calanchini (1937-2007), allievo del maestro Umberto Lancia, che vince la medaglia di bronzo nella sciabola a squadre, partendo come riserva e subentrando al titolare Ferrari dopo la sconfitta con l'Ungheria in semifinale.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

Franco Cervellati, Due torri e cinque cerchi. Bologna olimpica, Bologna, Millennium, stampa 1999, pp. 95-97


Olga Cicognani, Bologna olimpica. Biografie di atleti olimpici e paralimpici sotto le due torri da Londra 1908 a oggi, Bologna, Minerva, 2016, pp. 80-82


Il mito della V nera, a cura di Achille Baratti, Renato Lemmi Gigli, Bologna, Poligrafici L. Parma, 1972, pp. 436-437, 441


Giuseppe Quercioli, Storia degli olimpionici e degli olimpici bolognesi. Londra 1908 - Barcellona 1992, a cura di Dante Forni, Aldo Jani, Bologna, Masetti, 1993, pp. 143-144 (A. Calebotta), 145-146 (M. Alesini)