Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1960

Il Gruppo Teatrale Viaggiante (GTV) di Luciano Leonesi

Al CRAL di via del Pratello, con la messa in scena di Terrore e miseria del Terzo Reich di Bertolt Brecht, debutta il Gruppo Teatrale Viaggiante (GTV), fondato da ex allievi della Scuola di recitazione del Teatro Sperimentale di Bologna, guidati da Luciano Leonesi.

Il progetto ha alla base il principio del teatro come servizio pubblico. Nel dicembre 1960 è messa in scena la pièce Aspettando Lefty di Odets, allestita e recitata nella sede della coop. Fornaciai.

Nel 1964 il Gruppo fonderà il primo teatro di quartiere, occupando la "Casetta Rossa" di via Bastia. Nello stesso anno riceverà una importante proposta di collaborazione (poi non realizzata) dal futuro Premio Nobel Dario Fo, all'inizio della sua esperienza di Teatro Politico.

Dal 1967 il GTV opererà al Teatro Sanleonardo, una chiesa sconsacrata in via San Vitale. Dal 1968 avrà come drammaturgo lo scrittore Loriano Macchiavelli. Tra le sue opere: In caso di calamità viva la patria (1970). Hanno dato l'assalto al cielo (1971), Voglio dirvi di un popolo che sfida la morte (1972), I pioli di Bach-Dang (1973).

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La Casetta Rossa in via Bastia (BO) sede del GTV La Casetta Rossa di via Bastia (BO) ora sede di una sezione del Partito... Insegna della Casa del Popolo Casetta Rossa

Approfondimenti:

  • Garibaldini e partigiani. Almanacco bolognese 1960, a cura di Luigi Arbizzani, Bologna, Galileo, 1960, pp. 420-421
  • Luciano Leonesi maestro di teatro a Bologna, a cura di Claudio Meldolesi e Piero Ferrarini, Roma, Bulzoni, 2008, pp. 19-20
  • Luciano Leonesi, Calorosi gli applausi, da domani si replica. L'epica storia del Gruppo Teatrale Viaggiante, Milano, Vangelista, 1986
  • Luciano Leonesi, Il romanzo del teatro di massa, Bologna, Cappelli, 1989
  • Luciano Manini, Memorie e testimonianze dall'Unità d'Italia alla liberazione dal nazi-fascismo e oltre, raccolte nel vissuto del mondo "accademizzato" in "Contadino" dagli anni '40 del secolo scorso ai giorni nostri, Pieve di Cento, Bagnoli1920, 2016, pp. 36-38, 47-48, 58 (foto)
  • Fausta Molinari, Note sulla cooperazione e cultura nella Bologna del dopoguerra, in La società attraente. Cooperazione e cultura nell'Emilia Romagna, Bologna, dicembre 1976-gennaio 1977, a cura di Franco Solmi, Bologna, Grafis, 1976, pp. 522-523