Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1956

Cristina Campo pubblica il suo primo libro di poesie

L'editore Scheiwiller di Milano pubblica Passo d'addio, primo libro di poesie di Cristina Campo, pseudonimo della scrittrice bolognese Vittoria Guerrini (1923-1977).

Nipote del chirurgo Vittorio Putti, la giovane è affetta da una malattia cardiaca, che la costringe ad una vita appartata, con lunghe estati passate sotto controllo medico nel giardino dell'illustre zio a San Michele in Bosco. Agli anni bolognesi risale il suo incontro con l'universo della fiaba.

Durante la guerra la famiglia si trasferisce a Firenze, dove il padre, musicista, è direttore del Conservatorio. Nel 1955 Cristina si stabilisce definitivamente a Roma.

Poetessa, saggista, valente traduttrice (Virginia Wolf, Emily Dickinson, Katherine Mansfield), lettrice appassionata di Simone Weil e Hugo von Hofmannsthal, la Campo, pur tenendosi in disparte dalla mondanità letteraria, sarà sempre al centro di una fitta rete di relazioni intellettuali di alto livello (Mario Luzi, Gabriella Bemporad, Leone Traverso, Elémire Zolla tra gli altri).

Farà della ricerca della perfezione il suo ideale di vita, nel segno di un cristianesimo ortodosso, contrario alle riforme liturgiche del Concilio Vaticano II.

Morirà nel 1977 a soli 53 anni. La maggior parte delle sue opere saranno pubblicate postume, a cura dell'amica Margherita Pieracci Harwell.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Tomba di Cristina Campo - Cimitero della Certosa (BO) Tomba di Cristina Campo - Cimitero della Certosa (BO) Tomba di Cristina Campo - Cimitero della Certosa (BO)

Approfondimenti:

  • Appassionate distanze. Letture di Cristina Campo. Con una scelta di testi inediti, a cura di Monica Farnetti, Filippo Secchieri, Roberto Taioli, Mantova, Tre lune, 2006
  • Domenico Brancale, Cristina Campo in immagini e parole, Salerno, Edizioni Ripostes, 2002
  • Cristina Campo, Lettere a Mita, a cura e con una nota di Margherita Pieracci Harwell, Milano, Adelphi, 1999
  • Cristina De Stefano, Belinda e il mostro. Vita segreta di Cristina Campo, Milano, Adelphi, 2002
  • Monica Farnetti, Cristina Campo, Ferrara, Tufani, 1996
  • Massimo Morasso, In bianca maglia d'ortiche. Per un ritratto di Cristina Campo, Genova (ecc.), Marietti 1820, 2010
  • Federica Negri, La passione della purezza. Simone Weil e Cristina Campo, Padova, Il poligrafo, 2005
  • Margherita Pieracci Harwell, Cristina Campo e i suoi amici, Roma, Studium, 2005
  • Alessandro Spina, Conversazione in piazza Sant'Anselmo e altri scritti. Per un ritratto di Cristina Campo, Brescia, Morcelliana, 2002