Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1954

I "Frati volanti"

Il cardinale Lercaro istituisce, con il coordinamento di padre Tommaso Toschi (1922-2016), la Fraternitas, la squadra dei “Frati volanti” per la evangelizzazione e l'opera sociale nella periferia della città, soprattutto in funzione anticomunista.

Per dieci anni ventuno religiosi, tra sacerdoti e frati, svolgeranno un'azione capillare di catechismo e celebrazione liturgica in cappelle provvisorie e con auto dotate di altoparlanti.

I Frati volanti saranno attivi anche durante le campagne elettorali, con manifesti e azioni di disturbo contro i comizi degli avversari politici della sinistra.

Durante la crisi ungherese la Fraternitas avrà il compito di curare l'accoglienza dei profughi in fuga dall'invasione sovietica, parte dei quali saranno ospitati direttamente dal cardinale Lercaro.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La cappella volante utilizzata dalla Fraternitas per le celebrazioni...

Approfondimenti:

  • Nicla Buonasorte, La Chiesa petroniana tra Resistenza e Vaticano II, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, p. 770
  • L'eredità pastorale di Giacomo Lercaro. Studi e testimonianze, Bologna, EDB, 1992
  • Giusy Ferro, Carlo Vietti, Gli educatori cattolici nel Novecento a Bologna, Bologna, Leviedellastoria, 2011, p. 81
  • Italia nostra e la cultura a Bologna, convegno nella Sala delle Armi di Palazzo Malvezzi, sede della Facolta di Giurisprudenza dell'Universita, in ricordo dell'avvocato Federico Mase Dari, 10 giugno 2004, Bologna, Bononia University Press, 2006, pp. 62-63
  • Claudia Manenti, Architettura delle chiese provvisorie, Bologna, Bononia University Press, 2016, pp. 54-55
  • Padre Tommaso Toschi, Aveva l'impeto degli uomini di frontiera: Lercaro, in "Almanacco di Bologna", (1986), pp. 67-70
  • Tommaso Toschi, Il comunismo puo andar d'accordo con la religione? Rispondono Marx, Engels, Lenin, Stalin, Kruscev e i dirigenti del P.C.I., Bologna, Antoniano, 1965