Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1952

La staffetta dei record

La Cestistica Bologna, con le atlete Vera Martelli, Vittoria Cesarini, Ermanna Orsoni, Pier Paola De Bernardini (dal 1948 al 1950 Anna Venturi) vince per la quinta volta consecutiva la staffetta 4x100 femminile ai Campionati italiani assoluti di Atletica leggera.

La società è erede del Dopolavoro Magnani, fondato da Achille Baratti per lo sport della palla al cesto. Dal 1938 il sodalizio ha esteso l'attività all'atletica leggera, operando con continuità anche durante il periodo bellico.

Dopo gli allori della 4x100 - compresi quattro record italiani - avrà una storia ricca di successi in Italia e all'estero, anche grazie al sostegno dell'industriale Fontana, il cui nome entrerà nella ragione sociale.

Nella Fontana Bologna militerà la velocista Donata Govoni, atleta di livello internazionale, vincitrice di 32 titoli italiani di velocità.

Vera Martelli (1930-2017) e Vittoria Cesarini (1932-?) parteciperanno alle Olimpiadi di Helsinki. La prima sarà sesta nella batteria dei 200 metri piani vinta dall'australiana Marjorie Jackson, che nell'occasione stabilirà il record mondiale.

La Cesarini, invece, giungerà terza, in 12,3, nella batteria dei 100 metri e correrà anche nella 4x100 femminile.

Ermanna Orsoni (1927-1992) praticherà, oltre alla corsa, anche altre discipline, tra le quali il lancio del giavellotto. Negli anni Sessanta allenerà, assieme a Luciano Martelli, le ragazze del CUSB all'Antistadio.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La staffetta 4x100 femminile della Cestistica Bologna campione d

Approfondimenti:

Franco Cervellati, Due torri e cinque cerchi. Bologna olimpica, Bologna, Millennium, stampa 1999, pp. 78-80


Olga Cicognani, Bologna olimpica. Biografie di atleti olimpici e paralimpici sotto le due torri da Londra 1908 a oggi, Bologna, Minerva, 2016, p. 75


Giuseppe Quercioli, Storia degli olimpionici e degli olimpici bolognesi. Londra 1908 - Barcellona 1992, a cura di Dante Forni, Aldo Jani, Bologna, Masetti, 1993, p. 132