Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1951

La morte di Ilio Barontini, il comandante Dario del CUMER

Ilio Barontini (1890-1951), il Comandante Dario della Resistenza bolognese, muore in un incidente d'auto sulla via Pisana nei pressi di Scandicci, mentre torna da Firenze, dove ha partecipato al congresso nazionale del PCI.

Originario di Cecina (LI), anarchico fin da giovanissimo, era stato tra i fondatori del partito comunista. Addestrato alla guerriglia nella Cina di Mao, fu combattente antifascista in Abissinia e in Etiopia e quindi in Spagna, dove comandò un brigata Garibaldi e fu vittorioso contro i franchisti a Guadalajara. Prima di rientrare in Italia dopo l'8 settembre, fu tra gli organizzatori dei Francs-tireurs francesi.

A capo del CUMER (Comando Unico Militare Emilia-Romagna), era il comandante militare dei partigiani operanti a Bologna e in Emilia e dirigente del triumvirato insurrezionale del PCI.

Dopo la liberazione era stato decorato dal generale Alexander con la Bronze Star Medal e proclamato dal sindaco Dozza cittadino onorario di Bologna. Nel dopoguerra era stato eletto deputato e senatore del Partito comunista.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Lapide presso la casa natale di Barontini a Cecina (LI) Comandanti partigiani sfilano in Piazza Maggiore - al centro Ilio Barontini -... Murale dedicato a Ilio Barontini nel quartiere Cirenaica (BO)

Approfondimenti:

  • Giorgio Amendola, Comunismo, antifascismo e Resistenza, Roma, Editori riuniti, 1967, pp. 349-351
  • Giorgio Amendola, Lettere a Milano. 1939-1945, 3. ed., Roma, Editori riuniti, 1980, p. 354 sgg.
  • Fabio Baldassarri, Ilio Barontini. Un garibaldino nel '900, La Spezia, Agora, 2001
  • Era Barontini, Vittorio Marchi, Dario. Ilio Barontini, Livorno, Nuova Fortuna, 1988
  • Luciano Bergonzini, Politica ed economia a Bologna nei venti mesi dell'occupazione nazista, Imola, Galeati, 1969, pp. 37-38 (nota 41)
  • Dizionario dei bolognesi, a cura di Giancarlo Bernabei, Bologna, Santarini, 1989-1990, v. 1., pp. 86-87
  • Ena Frazzoni "Nicoletta", Ilio Barontini "Dario", in Bologna è libera. Pagine e documenti della Resistenza, a cura di Luigi Arbizzani, Giorgio Colliva, Sergio Soglia, Bologna, ANPI, 1965, pp. 169-172
  • Ena Frazzoni, Note di vita partigiana a Bologna, Bologna, Tamari, 1972
  • Ena Frazzoni (Nicoletta), Questo è Dario, in: Epopea partigiana, rist. anast., Imola, Libreria di Palazzo Monsignani, 2005, vol. I, pp. 15-17
  • Ena Frazzoni (Nicoletta), Uno dei nostri. La sua vita è una leggenda, in: Epopea partigiana, a cura di Antonio Meluschi, 2. ed., Bologna, S.P.E.R., stampa 1947, pp. 13-15
  • Intervista a Ilio Barontini, in: Giuseppe Dozza e l'amministrazione comunale della liberazione, Bologna, Comune di Bologna, 1971, pp. 34-37
  • Pro memoria 1943-2000. Cronologia, a cura di Sebastiano Gulisano, Modena, Grafiche Jolly, 2000, p. 32
  • La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, p. 56

  • Antonio Roasio, Figlio della classe operaia, Milano, Vangelista, 1977