Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1945

La morte di Sante Vincenzi e Giuseppe Bentivogli

La sera del 20 aprile vengono catturati in piazza Trento e Trieste i partigiani Giuseppe Bentivogli e Sante Vincenzi. Il molinellese Bentivogli (1885-1945, nome di battaglia Liberel), già attivo protagonista delle lotte contadine del primo dopoguerra, era stato confinato a Ponza nel 1926. Dopo l'8 settembre '43 era tornato a dirigere il movimento socialista in Emilia e ad organizzare la Resistenza per conto dei socialisti. Vincenzi era l'ufficiale di collegamento tra il CUMER e la Divisione partigiana "Bologna", latore tra l'altro dell'ordine di insurrezione. La mattina della Liberazione i corpi dei due dirigenti partigiani sono ritrovati straziati dalla parte opposta della città, in via San Felice. La matrice fascista della morte di Bentivogli e Vincenzi sarà messa in dubbio nel dopoguerra da chi riterrà che gli Alleati avessero ormai interesse ad impedire l'insurrezione armata dei partigiani. Per altri invece si tratterà di un clamoroso caso di "violenza resistenziale", frutto delle profonde lacerazioni da tempo in atto tra la componente comunista del movimento e quella socialista riformista, vittima di altre morti sospette (Floriano Bassi, Luciano Proni Kid, Paolo Fabbri).

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Lapide a ricordo di Sante Vincenzi nel Giardino delle Medaglie d Lapide a ricordo di Giuseppe Bentivogli nel Giardino delle Medaglie d Lapide ricordo di Paolo Fabbri e Giuseppe Bentivogli in via dé Poeti Lapide in via Caravaggio n. 1, sul luogo in cui furonno trovati i corpi... Ritratto di Sante Vincenzi, ufficiale di collegamento del CUMER Ritratto di Giuseppe Bentivogli, antifascista e già capolega a Molinella

Approfondimenti:

  • Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, La guerra di liberazione in Emilia-Romagna, in: Resistenza in Emilia Romagna, a cura di Roberto Fregna, Bologna, Regione Emilia-Romagna, stampa 1975, p. 51
  • Luciano Bergonzini, Considerazioni sulla guerriglia urbana a Bologna e sui piani insurrezionali del settembre 1944 e aprile 1945, in: Per il 40. della Resistenza. Saggi e contributo bibliografico, a cura di Alessandro Roveri, Bologna, Clueb, 1984, pp. 51-54
  • Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna, settembre 1943 -aprile 1945, Bologna, Il mulino, 1998, p. 323
  • Caddero a poche ore dalla liberazione, in Resistenza oggi Bologna. 50. della resistenza, Bologna, a cura dell'ANPI provinciale, 1995, pp. 163-164
  • Luigi Colombari, Vecchie storie di giovani (Bologna 1942-1945), 2. ed. aggiornata, Bologna, Giraldi, 2010, pp. 192-194
  • Il Consiglio provinciale. La storia attraverso le strade, Bologna, a cura della Presidenza Consiglio della Provincia, 2011, p. 54 (G. Bentivogli)
  • Ena Frazzoni (Nicoletta), Mario. Sante Vincenzi, martire della libertà, in: Epopea partigiana, rist. anast., Imola, Libreria di Palazzo Monsignani, 2005, vol. I, p. 48
  • Verenine Grazia, "Palita" non è più con noi, in Bologna è libera. Pagine e documenti della Resistenza, a cura di Luigi Arbizzani, Giorgio Colliva, Sergio Soglia, Bologna, ANPI, 1965, pp. 166-168
  • Molinella e Massarenti nel quadro delle lotte sociali in Italia. Alle radici del socialismo e della democrazia. Una rivoluzione concreta partito-sindacato-cooperative-Comune, a cura di Natale Guido Frabboni, Bologna, AGCI, 1980
  • Nazario Sauro Onofri, Documenti dei socialisti bolognesi sulla Resistenza. I diari delle tre brigate Matteotti, Bologna, La Squilla, stampa 1975, pp. 204-208
  • Nazario Sauro Onofri, I socialisti bolognesi nella Resistenza, Bologna, La squilla, 1965, pp. 147-149
  • Nazario Sauro Onofri, Il triangolo rosso, 1943-1947. La verità sul dopoguerra in Emilia-Romagna attraverso i documenti d'archivio, Roma, Sapere 2000, 1994, p. 28
  • Gianfranco Paganelli, Bologna ricorda 1998. Ricerca sulle lapidi esterne situate entro la cerchia delle mura conclusasi nel dicembre 1997, Bologna, Centro sociale anziani Santa Viola, stampa 1998, p. 47
  • La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, pp. 191-210, 297

Internet: