Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Trasferimento della statua di Vittorio Emanuele II

La statua equestre di Vittorio Emanuele II, opera del 1884 dello scultore Giulio Monteverde, viene rimossa da Piazza Maggiore - intitolata dal 1859 al re d'Italia e ribattezzata Piazza della Repubblica dopo il "tradimento" dei Savoia - e collocata all'entrata dei giardini Margherita presso porta Santo Stefano.

Da allora sarà conosciuto come "il monumento all'erba". Nel dopoguerra la statua apparirà ricoperta da un grande mucchio di letame, ricordo dell'ultimo periodo di occupazione.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La statua equestre del re Vittorio Emanuele II all Il monumento a Vittorio Emanuele II in mezzo ai fiori dei Giardini Margherita...

Approfondimenti:

  • Bologna 1938-1945: guida ai luoghi della guerra e della Resistenza, San Giovanni in Persiceto, Aspasia, 2005
  • Alessandro Cervellati, Bologna al microscopio, Bologna, Edizioni aldine, 1957, vol. 4., pp. 72-73
  • Carlo Colitta, Bologna rovistata, Bologna, Tecnoprint, 1993, p. 156
  • Tiziano Costa, Bologna '900. Vita di un secolo, 2. ed., Bologna, Costa, 2008, pp. 138-139 (foto)
  • Tiziano Costa, Bologna prima, durante e dopo la Liberazione, Bologna, Costa, 2015, p. 87 (foto)
  • Guido Fanti, Gian Carlo Ferri, Cronache dall'Emilia rossa. L'impossibile riformismo del PCI, Bologna, Pendragon, 2001, p. 30
  • I giorni di Bologna Kaputt, a cura di Luca Goldoni, Aldo Ferrari, Gianni Leoni, s.l., Edizioni giornalisti associati, 1980, p. 37 (foto)
  • Marco Poli, Bologna com'era, Argelato, Minerva, 2020, p. 79
  • Trent'anni di fotografie Villani a Bologna, 1920-1950, coordinamento editoriale di Sandra Mazza e Nazario Sauro Onofri, Bologna, Cappelli, 1988, p. 93
  • Venturi, Tura, Sacilotto. 170 anni di lavorazione del marmo tra Bologna, Pietrasanta e Caracas, a cura di Cecilia Degiovanni e Roberto Martorelli, Bologna, Tip. Moderna, stampa 2011