Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Strage di San Pancrazio

Il 14 novembre a Ragone di San Pancrazio, frazione di Russi (RA), in un podere nei pressi dell'argine del Montone, 24 persone vengono barbaramente uccise. Tre giorni dopo nello stesso territorio avviene un'altro eccidio, con la morte di 13 persone.

In provincia di Ravenna le truppe della Wehrmacht in ritirata compiono varie stragi, che coinvolgono intere famiglie, perlopiù non per ragioni politiche, ma per motivi militari.

Edifici con funzione strategica sono fatti saltare assieme ai loro abitanti per salvaguardare la ritirata e la tenuta delle linee difensive presso gli argini fluviali. E' la strategia della tabula rasa.

Di solito le stragi non vengono rese pubbliche, ma anzi occultate con cura. A casa Fornaci, posta sulla linea difensiva del Montone, i corpi dei fucilati - tra essi donne e bambini - sono ammucchiati vicino a un pagliaio, cosparsi di infiammabili e bruciati.

I responsabili della strage di San Pancrazio Roncalceci sono forse soldati della 305a o della 356a Infantrie Division.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

L Cippo martiri delle mura - Ragone di San Pancrazio (RA) Casa Fornaci - Ragone di San Pancrazio (RA) Casa Fornaci - luogo dell Casa Fornaci - luogo dell Cippo dell Cippo dell Cippo dell Cippo dell Cippo dell Cippo dell Cippo dell

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

Adler Raffaelli, Guerra e liberazione: Romagna 1943-1945, Bologna, Editcomp, 1995, vol. 1: Storiografia, pp. 200-201


Adler Raffaelli, Guerra e liberazione, cit., vol. 2: Epigrafia, p. 241