Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Si costituisce la Brigata Matteotti di pianura

Nella zona di Molinella e Medicina si costituisce la brigata partigiana Matteotti di pianura, di ispirazione socialista. E' divisa in quattro battaglioni: a Molinella operano i battaglioni “Alberani” e “Bevilacqua”, al comando di Werther Verri; a Medicina il btg “Melega”, al comando di Bruno Marchesi (Delfus) e il btg “Morara”, composto in prevalenza di giovani comunisti.

L'attività delle brigate Matteotti è coordinata dal Comando di Bologna, situato nel “fondone” di Paolo Fabbri, in via de' Poeti. Capo di stato maggiore è Gianguido Borghese.

Il 16 aprile 1945, pochi giorni prima della liberazione, la brigata Matteotti di pianura perderà il suo comandante, Alfredo Calzolari (Falco), mortalmente ferito durante un conflitto a fuoco con i tedeschi a Molinella.

La formazione socialista sarà in seguito intitolata a Otello Bonvicini (Giorgio), fucilato il 18 aprile 1945 dai fascisti e sarà riconosciuta come 5a Brigata “Bonvicini”.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 21
  • Luigi Arbizzani, Nazario Sauro Onofri, La guerra di liberazione in Emilia-Romagna, in: Resistenza in Emilia Romagna, a cura di Roberto Fregna, Bologna, Regione Emilia-Romagna, stampa 1975, p. 51
  • Nazario Sauro Onofri, I socialisti bolognesi nella Resistenza, Bologna, La squilla, 1965, pp. 201-202