Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Eccidio di Malfolle

Dopo un attacco subito a Pioppe di Salvaro da una squadra di partigiani della brigata Stella Rossa, al comando di Giuliano Tarozzi (Walter), i tedeschi rastrellano decine di persone in località Fazzolo di Malfolle, nei pressi di Marzabotto.

Dieci uomini sono fucilati e i loro corpi bruciati vicino a un fienile. Un altro gruppo destinato alla stessa sorte viene salvato dall'intervento di Padre Samovilla.

Donne e bambini sono trascinati a Bologna come ostaggi, mentre alcuni uomini sono deportati in Germania e altri inviati a lavorare al fronte nei cantieri della Todt.

Nei giorni successivi le SS compiono un rastrellamento tra Sperticano, Monte Sole, Monte Salvaro e Grizzana alla ricerca dei covi partigiani.

Fonti della notizia:

consulta

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Marco Andreucci, Vergato 1943-45. Memorie di guerra dei parroci del Reno, Vergato, Comune, 1994, pp. 41-42
  • Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese, 1919-1945, Bologna, Comune – ISREBO, vol. I, Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, 2005, p. 127, 375
  • Luciano Gherardi, Le querce di Monte Sole. Vita e morte delle comunità martiri fra Setta e Reno, 1898-1944, introduzione di Giuseppe Dossetti, 5. ed., Bologna, Il mulino, 1994, p. 283
  • Giampietro Lippi, La Stella rossa a Monte Sole. Uomini, fatti, cronache, storie della brigata partigiana Stella rossa Lupo Leone, Bologna, Ponte nuovo, 1989, p. 283
  • Gerhard Schreiber, La vendetta tedesca. 1943-1945: le rappresaglie naziste in Italia, Milano, Mondadori, 2000, p. 191

  • Dario Zanini, Marzabotto e dintorni, 1944, Bologna, Ponte nuovo, 1996, pp. 211-217