Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

L'eccidio di Cà Berna

Una pattuglia di 4 o 5 soldati tedeschi, che si sta dirigendo a piedi dal fronte verso le retrovie, è attaccata nei pressi di Cà Berna, tra Vidiciatico e Madonna dell'Acero, in comune di Lizzano in Belvedere, da una squadra di partigiani della Divisione Modena "Armando".

Secondo alcune testimonianze successive non ci sono vittime. Secondo altre, un certo numero di Tedeschi vengono uccisi.

Entra comunque subito in azione una colonna della divisione di cui quei soldati erano un'avanguardia, la 16a Panzergrenadier "Reichsfuhrer SS" del gen. Max Simon, in ritirata dalla Toscana, dove si è già resa protagonista di vari eccidi di civili ed azioni di rappresaglia.

Sul paese si riversa il fuoco delle mitragliatrici e dei mortai. Tutti i civili catturati, 28 o 29, vengono passati per le armi e finiti con colpi alla nuca. Sono soprattutto donne, bambini, anziani, sfollati dai paesi del fondovalle, convinti di aver raggiunto un luogo sicuro.

Prima di lasciare il paese, le SS compiono un ultimo atto di crudeltà, lanciando bombe a mano sui morti.

Il processo contro i responsabili della strage non verrà mai celebrato: il fascicolo relativo sarà ritrovato nel 1994 nel famigerato "armadio della vergogna", un archivio di crimini di guerra tenuto per anni nascosto in uno sgabuzzino della cancelleria della procura militare di Roma.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Traslazione delle salme dell Traslazione delle salme dell Cippo sul luogo della prima, provvisoria sepoltura delle vittime dell Cippo sul luogo della prima, provvisoria sepoltura delle vittime dell Cippo sul luogo della prima, provvisoria sepoltura delle vittime dell Cippo sul luogo della prima, provvisoria sepoltura delle vittime dell

Approfondimenti:

  • Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese, 1919-1945, Bologna, Comune – ISREBO, vol. I, Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, 2005, p. 78
  • Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 21, 113 (foto)
  • Pier Giorgio Ardeni, Cento ragazzi e un capitano. La brigata Giustizia e Libertà Montagna e la Resistenza sui monti dell'alto Reno tra storia e memoria, con la collaborazione di Francesco Berti Arnoaldi Veli, Bologna, Pendragon, 2014, pp. 186-189
  • Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna, settembre 1943 - aprile 1945, Bologna, Il mulino, 1998, p. 197
  • John Day, Partigiani e alleati sul fronte del Reno dal settembre 1944 all'aprile 1945, con documentazione americana, inglese e tedesca, traduzione di Bianca Branchini, in: “Nueter”, 24 (1998), p. 159
  • Mario Facci, Alessandro Borri, Porretta dall'Unità alla Repubblica, 1859-1948. Cronache porrettane, aspetti politico-sociali, i sindaci e i podestà, Porretta Terme, Gruppo di studi alta valle del Reno - Comune, 1998, pp. 305-308
  • Mimmo Franzinelli, Le stragi nascoste. L'armadio della vergogna: impunità e rimozione dei crimini di guerra nazifascisti, 1943-2001, Milano, Mondadori, 2002
  • Guerra e Resistenza sulla Linea Gotica tra Modena e Bologna, 1943-1945, a cura di Vito Paticchia, Modena, Artestampa, 2006, p. 38
  • Jean Pascal Marcacci, La battaglia di Monte Belvedere. WW2 Linea Gotica 18-24 febbraio 1945. Nei ritrovamenti sul campo di battaglia, nella memoria e nel riuso civile dei materiali bellici, Imola, Angelini, 2008, pp. 28-29
  • Claudio Silingardi, Alle spalle della linea gotica. Storie, luoghi, musei di guerra e Resistenza in Emilia-Romagna, Modena, Artestampa, 2009, p. 118
  • Touring club italiano, Emilia Romagna. Itinerari nei luoghi della memoria, 1943-1945, Milano, TCI, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2005, p. 32

  • Massimo Turchi, La Linea gotica e le stragi. Il fronte di guerra nell'Appennino bolognese, modenese e pistoiese. Cà Berna e Ronchidoso: due stragi, Civitavecchia, Prospettiva editrice, stampa 2008