Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Le Brigate Nere scoprono l'infermeria partigiana

I partigiani feriti nelle battaglie di Porta Lame e della Bolognina trovano soccorso nell'infermeria allestita a villa Moneti in via Duca d'Aosta (poi Andrea Costa) per iniziativa del dott. Giuseppe Beltrame (Pino). Vi opera un giovane ufficiale medico austriaco, disertore della Luftwaffe, assieme al dott. Vicenzi e a un giovane partigiano trentino.

I servizi di mensa e pulizia sono svolti dalle partigiane Stella Tozzi e Ada Pasi. La piccola struttura, funzionante come un vero e proprio ospedale da campo, è dotata di sala operatoria e di alcune stanzette di degenza.

Il 9 dicembre l'infermeria cade nelle mani delle Brigate Nere, in seguito alla delazione di una tal Veronica, ex partigiana passata tra le fila dei nazifascisti.

I quattordici feriti catturati vengono caricati su un camion e portati alla caserma Magarotti. Qui sono sottoposti a sevizie: alcuni sono messi a nudo, legati a una cancellata e frustati; ad altri premono mozziconi accesi sulle carni e riaprono le piaghe. Infine tutti saranno fucilati al Poligono del Tiro a segno il 13 dicembre.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Lapide in via Andrea Costa sul luogo dove era ubicata l

Approfondimenti:

  • S. A., Scoperta l'infermeria del "Ravone", in Al di qua della Gengis Khan. I partigiani raccontano, a cura di Remigio Barbieri e Sergio Soglia, Bologna, Galileo, 1965, pp. 93-95
  • Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 24
  • Giuseppe Beltrame, I medici dei partigiani, in La Brigata Pampurio, pagine e documenti della resistenza bolognese, a cura di Luigi Arbizzani, Pietro Mondini, Luciano Sarti, Bologna, La lotta, 1963
  • Giuseppe Beltrame (Pino), Sanità. L'assistenza medico-chirurgica ai partigiani delle formazioni garibaldine, in: Epopea partigiana, rist. anast., Imola, Libreria di Palazzo Monsignani, 2005, vol. I, pp. 68-69
  • Giuseppe Beltrame (Pino), Servizio sanitario nella clandestinità, in "Resistenza oggi Bologna", 40. della lotta di liberazione, Bologna, a cura dell'ANPI provinciale, 1984, pp. 40-43
  • Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna, settembre 1943 -aprile 1945, Bologna, Il mulino, 1998, pp. 266-267
  • Margherita Bianchini, 101 storie su Bologna che non ti hanno mai raccontato, Roma, Newton Compton, 2010, pp. 271-273 (Ada Pasi)
  • Luigi Colombari, Vecchie storie di giovani (Bologna 1942-1945), 2. ed. aggiornata, Bologna, Giraldi, 2010, pp. 152-153
  • Facchini, Cucchini, Businco, In memoria dei Medici e studenti in medicina caduti nella lotta di Liberazione, Bologna, Sindacato Medico Provinciale, 1945
  • Carlo D'Adamo, William Pedrini, Un passato che non passa. Il documentario fotografico di D'Aiutolo e Parisi, Bologna, Pendragon, 2012, p. 51
  • Mario De Micheli, 7a GAP, 2. ed., Roma, Editori Riuniti, 1971, pp. 254, 271-273
  • Mario De Micheli, Settima Gap, Imola, Bacchilega, 2011, pp. 144-145 (nome cit.: Villa Romiti, data cit: 13 dicembre)
  • Gente come noi nella Resistenza. 25 aprile 1985, Quartiere A. Costa-Saragozza, Bologna, tip. Negri, 1985, pp. 3-4
  • Nazario Sauro Onofri, Cronologia bolognese del 1944, in 1944: la lotta di liberazione, Bologna, ANPI, 2004, p. 25
  • Nazario Sauro Onofri, Il triangolo rosso, 1943-1947. La verità sul dopoguerra in Emilia-Romagna attraverso i documenti d'archivio, Roma, Sapere 2000, 1994, p. 25
  • Santo Peli, Storie di GAP. Terrorismo urbano e Resistenza, Torino, Einaudi, 2014, p. 201

  • La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, p. 167, 286, 357
  • Antonio Sciolino, Arrigo Brini "Volpe" fucilato a 19 anni. La breve vita di un partigiano medicinese della 7. GAP, in: "Brodo di serpe. Miscellanea di cose medicinesi", 14 (2016), pp. 102-103
  • Storia della sanità moderna a Bologna. Dalle Congregazioni di carità alle Aziende USL, Bologna, Provincia di Bologna. Assessorato alla Sanità, 2010, pp. 71-72
  • "Volpe". Arrigo Brini, 1925-1944, a cura di Arrigo Sarti, Medicina, Fondazione Medicina Democratica, 2014