Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

La morte del "Biondo"

La sera del 20 aprile alla Croce del Biacco una pattuglia di militi fascisti, uscendo da un'osteria, vede avvicinarsi un camioncino e intima l'alt.

A bordo ci sono tre gappisti diretti a Casalecchio di Reno per prelevare una partita di copertoni da biciletta. Il mezzo non si ferma e allora i militi aprono il fuoco. I partigiani rispondono con le armi, ferendo alcuni nemici.

I colpi sparati bloccano il camioncino e costringono gli occupanti a fuggire per i campi. Uno di essi, però - Ermanno Galeotti, detto "il Biondo" - è gravemente ferito e cade. Si nasconde in una buca, ma i fascisti gli sono presto addosso e lo finiscono a pugnalate.

Nato nel 1923 a Grizzana, operaio alla Minganti e renitente alla leva, Galeotti è stato il primo giovane ad affiancare il nucleo storico di militanti comunisti, che ha dato vita alla 7a Brigata GAP. Gli verrà assegnata la Medaglia d'Argento al V.M.

La sua morte segna la fine della prima esperienza gappista a Bologna. Gli ultimi combattenti del nucleo originale rimasti saranno inviati in montagna. Le file della 7a GAP verranno completamente rinnovate con elementi molto giovani e risoluti.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

Mario De Micheli, 7a GAP, 2. ed., Roma, Editori Riuniti, 1971, pp. 104-105