Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

La conquista di Monte Battaglia

La cima del monte Battaglia (quota 715), ultimo baluardo naturale prima dello sbocco nella valle Padana, nei pressi di Imola, è conquistata, dopo duri combattimenti, dai “Blue Devils” dell'88a Divisione USA e dai partigiani del 3° Btg. della 36a brigata Garibaldi "Bianconcini", comandato da Carlo Nicoli.

Nei quattro giorni successivi infurierà il tentativo di riconquista del colle, che domina le valli del Santerno e del Senio, da parte dei soldati tedeschi della 44a e della 715a Divisione, con notevoli perdite umane da entrambe le parti.

Nella notte del 4-5 ottobre il 350° Reggimento dell'88a sarà sostituito dalla 1a Brigata delle Guardie, composta da scozzesi e gallesi della 56a Divisione britannica.

Nonostante la sua estrema importanza strategica, la battaglia di Monte Battaglia sarà pressoché ignorata dai bollettini di guerra alleati. In seguito verrà ricordata come una delle più sanguinose ed inutili carneficine di tutta la seconda guerra mondiale.

I Tedeschi non riusciranno a riconquistare il monte, ma riusciranno a ritardare notevolmente l'avanzata degli Alleati.

I partigiani della 36a Brigata Garibaldi "Bianconcini", partecipanti ai combattimenti con un ruolo non secondario, saranno disarmati dagli Alleati e condotti nelle retrovie, verso i centri di raccolta di Firenze.

Il loro apporto sarà comunque riconosciuto dai comandanti sul terreno: senza l'azione partigiana, Monte Battaglia “it would have been another Cassino” (sarebbe stata un'altra Cassino).

Dopo la conquista di questo caposaldo, la V Armata troverà la strada per la pianura padana sbarrata dalla concentrazione di molte divisioni tedesche provenienti dal fronte adriatico: la 44a, la 305a, la 334a, la 98a e la 715a.

Il 1° ottobre il gen. Mark Clark riconoscerà la perdita di valore di questo settore e deciderà di ridare priorità offensiva a quello del II Corpo, lungo la statale 65.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La cima di Monte Battaglia con la torre diroccata - in primo piano il... Monumento ai caduti di Monte Battaglia La targa in tre lingue sulla torre di Monte Battaglia è una dichiarazione di... Distintivi della 88a Divisione "Blue Devils" USA - Castel del Rio (BO) -... Machine pistole tedesca - Castel del Rio (BO) - Museo della Guerra - Linea... Maschinengewehr MG42 detta "la sega di Hitler" - Castel del Rio (BO) - Museo...

Approfondimenti:

La 36a Brigata Garibaldi Alessandro Bianconcini, a cura di Marco Orazi, Imola, Bacchilega, 2017, p. 20


Al di qua e al di là della Linea Gotica. 1944-1945: aspetti sociali, politici e militari in Toscana e in Emilia-Romagna, a cura di Luigi Arbizzani, Bologna, Firenze, Regioni Emilia-Romagna e Toscana, 1993, pp. 409-471


Domenico Alvisi, Storia minima di un balilla mancato, Bologna, Rabbi, stampa 2010, p. 260 (36a Brigata Garibaldi)


Luigi Arbizzani, Antifascismo e lotta di Liberazione nel Bolognese. Comune per comune, Bologna, ANPI, 1998, p. 105


Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 21


Pier Giorgio Ardeni, Cento ragazzi e un capitano. La brigata Giustizia e Libertà Montagna e la Resistenza sui monti dell'alto Reno tra storia e memoria, con la collaborazione di Francesco Berti Arnoaldi Veli, Bologna, Pendragon, 2014, p. 258


La battaglia per la "Gotica". Il Secondo Corpo statunitense da Firenze a Monte Grande, a cura di Romano Rossi e Fabrizio Tampieri, Imola, Bacchilega, 2011, pp. 132-143 (foto)


Giorgio Bettini, Tanta gente per ricordare quei giorni a Monte Battaglia, in "Resistenza", 5 (2009), pp. 20-21


Valerio Calderoni, Monte Battaglia 1944. Dal mito alla storia. From myth to history, Imola, La Mandragora, 2014


Castel del Rio 1944: tra la Linea Gotica e Monte Battaglia. L'arrivo degli alleati e il fronte: eventi e testimonianze di un inverno difficile, Imola, La mandragora, 2003, p. 123 sgg.


Tiziano Costa, Bolognesi in gita fuori porta, Bologna, Costa, 2013, pp. 182-185


Franco e Tomaso Cravarezza, Le grandi battaglie della Linea Gotica, Torino, Edizioni del Capricorno, 2018, pp.129-132


Nazario Galassi, Partigiani nella linea Gotica, prefazione di Valdo Spini, Bologna, University Press, 1998, p. 282 sgg.


Vico Garbesi, Dissero: "Senza di voi questa altra Cassino", in "Resistenza oggi Bologna", 40. della lotta di liberazione, Bologna, a cura dell'ANPI provinciale, 1984, pp. 23-24


Roberto Gentile, Linea Gotica. Uomini e carriarmati, Massa Carrara, Edizioni Sarasota, 2014, p. 13


I.S.E.A., Istituto per lo sviluppo economico dell'Appennino centro settentrionale, Itinerari turistico ambientali lungo la vallata del Santerno. Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Fontanelice, s.l., CSSAS, Centro sperimentale per lo studio e l'analisi del suolo, 2007, p. 135


Monte Battaglia. Memorie di guerra e di guerriglia sull'Appennino, a cura di Ferruccio Montevecchi, Imola, ANPI, 1996


Amedeo Montemaggi, Una liberazione mancata, in "Bologna ieri, oggi, domani", 20 (1993) pp. 88-92


Amedeo Montemaggi, L'offensiva della Linea gotica: autunno 1944, Bologna, Guidicini e Rosa, 1980, p. 183 sgg.


Ferruccio Montevecchi, La strada per Imola. Alleati, tedeschi e partigiani sulla linea gotica, settembre - ottobre 1944, Imola, University press Bologna, 1991


Carlo Niccoli (Carlo), Monte Battaglia, in: Epopea partigiana, a cura di Antonio Meluschi, 2. ed., Bologna, S.P.E.R., stampa 1947, pp. 136-139


Roberto Olla, Combat film, Roma, RAI-ERI, 1997, p. 111


Virna Paolini, Simone Cortesi, Gabriele Peddes, Monte Battaglia. Una storia della Linea Gotica, romanzo grafico, Firenze, Black Velvet, 2013


Percorsi della memoria. 1940-1945: la storia, i luoghi, a cura di Vito Paticchia con la collaborazione di Paolo Zurzolo, Bologna, CLUEB, 2005, pp. 350-351


Giuseppe Pieraccini, La grande delusione. Romagna: autunno 1944. Frammenti di racconti diretti dell'VIII Armata, del XIII Corpo d'Armata (V Armata statunitense) e delle truppe tedesche in Romagna, Cesena, Il ponte vecchio, 2003, p. 11


Adler Raffaelli, Guerra e liberazione. Romagna 1943-1945, Bologna, Editcomp, stampa 1995, vol. 1., p. 155 sgg.


Romagna 1944-45: le immagini dei fotografi di guerra inglesi dall'Appennino al Po, Bologna, CLUEB, 1983, p. 177


Gabriele Ronchetti, La Linea Gotica. I luoghi dell'ultimo fronte di guerra in Italia, Fidenza (PR), Mattioli, 2009, pp. 37, 116-117


Beppe Sangiorgi, Monte Battaglia. Luogo della storia e della pace, Imola, Bacchilega, 2004


Claudio Silingardi, Alle spalle della linea gotica. Storie, luoghi, musei di guerra e Resistenza in Emilia-Romagna, Modena, Artestampa, 2009, pp. 202-203, 208-209


Sui luoghi della memoria. Guerra e Resistenza nel territorio imolese, a cura del CIDRA di Imola, Imola, Bacchilega, 2004


Natale Tampieri, Imola, 14 aprile 1945. Riflessioni sulla Resistenza, Imola, Bacchilega, 2007, p. 72 sgg.


Touring club italiano, Emilia Romagna. Itinerari nei luoghi della memoria, 1943-1945, Milano, TCI, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2005, p. 46


John E. Wallace, I "Diavoli Blu". Il 350. reggimento di fanteria americano. Da Monte Battaglia a Monte Grande, in "Pagine di vita e storia imolesi" , n. 1 (1997), pp. 75-91