Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

La 9a Brigata "Santa Justa"

Nasce ufficialmente la 9a brigata “Santa Justa”, una formazione partigiana autoctona e stanziale, che opera sull'Appennino a sud ovest di Bologna.

E' comandata da Pino Nucci (1918-2007), ex ufficiale medico - e futuro noto chirurgo maxillo-facciale - e raccoglie vari gruppi di giovani, provenienti da Casalecchio e Sasso Marconi.

Ha come cappellano di brigata il parroco di Lagune, don Gabriele Mario Bonani. Nelle sue fila combatte anche un reparto di disertori austriaci, russi e polacchi, comandato da Romanos Todua.

Con circa 400 effettivi, la brigata estenderà la sua azione militare nei comuni di Marzabotto e Monte San Pietro. Compirà soprattutto sabotaggi nelle retrovie tedesche, seminando chiodi a tre punte sulle strade percorse dai mezzi militari, danneggiando la linea ferroviaria Porrettana e incendiando depositi di carburante.

Tra le azioni più efficaci vi sarà il lancio di cartelli, per mezzo di speciali fionde, sui fili dell'alta tensione: una propaganda per la Resistenza destinata a rimanere visibile per molto tempo.

Provvederà inoltre a soccorrere e nascondere numerosi ufficiali inglesi sfuggiti ai campi di prigionia. Nel novembre del 1944, per ordine del CUMER, tutti gli effettivi confluiranno a Bologna, utilizzando anche ambulanze della Croce Rossa, in previsione della liberazione presunta imminente.

La Santa Justa costituisce il primo esempio di formazione "tricolore" cattolica, non legata ai partiti del Cln.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

il prof. Pino Nucci comandante della 9a Brigata "Santa Justa" - Fonte: Anpi.it

Approfondimenti:

  • Alessandro Albertazzi, La 9a brigata Santa Justa, in "Resistenza oggi", 1944 la lotta di liberazione, 5 (2004), pp. 81-83
  • Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese, 1919-1945, Bologna, Comune – ISREBO, vol. I, Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, 2005, p. 64
  • Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 17
  • Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna, settembre 1943 - aprile 1945, Bologna, Il mulino, 1998, p. 201
  • Nicla Buonasorte, La Chiesa petroniana tra Resistenza e Vaticano II, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, p. 746 (don Mario Bonani)
  • Guerra e Resistenza sulla Linea Gotica tra Modena e Bologna, 1943-1945, a cura di Vito Paticchia, Modena, Artestampa, 2006, p. 102
  • Pino Nucci, E ci guidava la luna, Bologna, Tamari, 1988
  • Pino Nucci, Rasiglio, in: 50. della Resistenza, numero unico di “Resistenza oggi Bologna”, a cura di Giuseppe Brini, Bologna, ANPI provinciale, 1995, pp. 41-43
  • Pino Nucci, Santa Justa. Nella solitudine dei monti ..., in in: Epopea partigiana, rist. anast., Imola, Libreria di Palazzo Monsignani, 2005, vol. I, pp. 171-175
  • Pino Nucci medico e poeta. E' scomparso il partigiano della "Santa Justa", in: "Patria indipendente", 23 settembre 2007, p. I
  • Carmela Santoro Nucci, La 9a Brigata Santa Justa nella resistenza bolognese, tesi di perfezionamento didattico, Università di Bologna, relatore Luciano Bergonzini, 1966
  • 40°: 1945-1985. Alba di libertà, Bologna, ANPI provinciale, 1985, p. 17
  • La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, pp. 84-85
  • Giuliano Nanni, La 9a Brigata Santa Justa, in: Sasso Marconi, 1944-1945, Sasso Marconi, Circolo filatelico G. Marconi, 2001, pp. 16-17
  • Touring club italiano, Emilia Romagna. Itinerari nei luoghi della memoria, 1943-1945, Milano, TCI, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2005, p. 37