Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

La 34a Divisione USA libera Bruscoli

La 34a Divisione USA “Red Bull” oltrepassa il Passo della Futa spingendo i tedeschi nella valle del Setta e aprendosi la strada verso Castiglione dei Pepoli.

Il 25 settembre i fanti del 135° battaglione liberano il paese di Bruscoli, sul confine toscano, dopo un'aspra battaglia a San Martino contro le truppe della 4. divisione paracadutisti e quelle della 334. e 362. divisione di fanteria. L'attacco è portato, in modo irrazionale, dal basso, anziché dal Passo della Futa.

Nei giorni successivi avanzeranno su monte Bastione e monte Venere, occupando Monzuno e attestandosi successivamente sotto Livergnano, nella valle del Savena.

Intanto il 168° battaglione salirà da Baragazza - pesantemente bombardata l'11 settembre - e da Cà di Landino a Pian del Voglio e a Montefredente, continuando poi su Montorio e fermandosi nei pressi di Rioveggio.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Museo della Linea Gotica - Bruscoli - resti di carro armato tedesco Distintivi della 5a Armata americabna e della 34a Divisione Red Bull - Museo... Cartelli in una trincea americana ricostruita a Bruscoli - Museo della Linea... Elmetto di soldato appartenente alla 34a Divisione "Red Bull" di fanteria -... Elmetto distintivi e coltello di paracadutista tedesco - Museo Gotica MuGot -... Ricostruzione di una postazione americana - Museo Gotica MuGot - Ponzalla di...

Approfondimenti:

  • Pier Giorgio Ardeni, Cento ragazzi e un capitano. La brigata Giustizia e Libertà Montagna e la Resistenza sui monti dell'alto Reno tra storia e memoria, con la collaborazione di Francesco Berti Arnoaldi Veli, Bologna, Pendragon, 2014, p. 258
  • Domenico Galeotti, Gli anni della guerra, Monzuno, Cassa rurale e artigiana, 1990 ca, pp. 28-34
  • Domenico Galeotti, Fu guerra in casa nostra. Linea Gotica, Casalecchio di Reno, Pieffepi, 2007, pp. 79-86
  • Domenico Galeotti, La seconda guerra mondiale sull'Appennino Tosco-Emiliano, Casalecchio di Reno, Tipolito PIEFFEPI, 2003, pp. 44-46, 59-65, 98