Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

I Tedeschi abbandonano Livergnano dopo una strenua difesa

A difesa delle valli a sud di Bologna i Tedeschi sfruttano le cime del contrafforte pliocenico, una barriera rocciosa di nove chilometri disposta in senso trasversale rispetto ad esse.

Monte Sole, Monterumici, Livergnano e Monte delle Formiche costituiscono la cosiddetta “Linea Cesare”, una serie di baluardi naturali quasi insormontabili per gli Alleati. Le truppe del II Corpo, al comando del gen. Keynes, li attaccano dal 10 ottobre.

Sotto il muro di Livergnano, ribattezzato ironicamente dagli americani "Liver and Onion" (fegato e cipolla), la 91a Divisione USA incontra gravissime difficoltà a procedere. Tra la 4a Divisione Paracadutisti e la 362a fanteria è stata schierata, nel settore avversario, la 65a Divisione di fanteria del gen. Pfeiffer, una delle migliori formazioni della riserva.

Due compagnie del 361° reggimento della 91a riescono a fatica ad arrampicarsi sui pendii scoscesi del contrafforte e a penetrare nell'abitato, ma vi restano per tre giorni inchiodate dal fuoco di sbarramento nemico.

La posizione strategica è conquistata il 14 ottobre dopo un furioso bombardamento aereo e terrestre (la sola 91a spara circa 24.000 colpi di cannone su Livergnano), mentre i tedeschi si ritirano poco lontani, sui bastioni montuosi attorno a Monte Adone, dove rimarranno fino alla primavera successiva. Il 15 ottobre la 1a Divisione corazzata alleata rileva la 34a nella zona di Scascoli e Anconella. Il 16 ottobre, sulla statale 65 compaiono a difesa i primi reparti della 29a Divisione Granatieri.

Davanti all'85a Divisione USA, impegnata nella conquista di Monte delle Formiche, sono schierati reparti della 98a, 362a e 65a Divisione tedesca, provenienti da tre diversi corpi d'armata, determinate a impedire con ogni mezzo lo sfondamento alleato.

Il monte è conquistato il 14 ottobre, mentre sul versante opposto della Valle dell'Idice l'85a occupa la zona collinare di Monterenzio.

Tra il 10 e il 15 ottobre, in questo settore avanzato del fronte, gli Alleati subiscono circa 2.500 perdite e per la prima volta durante la campagna d'Italia si trovano senza riserve.

Sull'altro fronte il feldmaresciallo Kesselring chiede formalmente a Hitler di ritirarsi dagli Appennini e attestarsi a nord del Po (Operazione "Nebbia autunnale"), ma il Fuhrer ordina la difesa ad oltranza sulla Gotica.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Il paese di Livergnano oggi Ritrovamenti bellici della zona di Livergnano - Museo Winter Line
Ritrovamenti bellici della zona di Livergnano - Museo Winter Line Comando tedesco insediato in una grotta a Livergnano - MUseo Winter Line Ritrovamenti bellici della zona di Livergnano - Museo Winter Line

Approfondimenti:

Marco Andreucci, Vergato 1943-45. Memorie di guerra dei parroci del Reno, Vergato, Comune di Vergato, stampa 1994, p. 73


Pier Giorgio Ardeni, Cento ragazzi e un capitano. La brigata Giustizia e Libertà Montagna e la Resistenza sui monti dell'alto Reno tra storia e memoria, con la collaborazione di Francesco Berti Arnoaldi Veli, Bologna, Pendragon, 2014, p. 259


La battaglia per la "Gotica". Il Secondo Corpo statunitense da Firenze a Monte Grande, a cura di Romano Rossi e Fabrizio Tampieri, Imola, Bacchilega, 2011, pp. 186-191


Renzo Calzi, Flaminia minor. La via Flaminia minore Bologna-Arezzo e la sua storia, nuova ed., Bologna, Pontenuovo, 1986, p. 112


Franco e Tomaso Cravarezza, Le grandi battaglie della Linea Gotica, Torino, Edizioni del Capricorno, 2018, pp. 147-148


Roberto Gentile, Linea Gotica. Uomini e carriarmati, Massa Carrara, Edizioni Sarasota, 2014, p. 14


I giorni della Linea Gotica. Cronologia degli eventi sull'ultimo fronte di guerra in Italia (agosto 1944-aprile 1945), a cura di Gabriele Ronchetti, Bologna, Circolo Culturale Castel D'Aiano, 2005, pp. 49-50


Livergnano 1944-45, a cura di Luigi Selleri, Bologna, L. Selleri, 1992


Roy Livengood, Powder River. A history of the 91. Infantry Division in WW2, Paducah, Turner, 1994


Carmen Magnani, Il monumento di Livergnano. Ricordo dei caduti americani nel '44-'45, in "Savena, Setta, Sambro", 4 (1993), pp. 25-26


Roberto Olla, Combat film, Roma, RAI-ERI, 1997, pp. 110-111


Giuseppe Pieraccini, La grande delusione. Romagna: autunno 1944. Frammenti di racconti diretti dell'VIII Armata, del XIII Corpo d'Armata (V Armata statunitense) e delle truppe tedesche in Romagna, Cesena, Il ponte vecchio, 2003, p. 13


Giancarlo Rivelli, La guerra, in Monzuno. Storia, territorio, arte, tradizione, Rastignano (Bo), Timeo, stampa 1999, pp. 233-270


Gabriele Ronchetti, La Linea Gotica. I luoghi dell'ultimo fronte di guerra in Italia, Fidenza (PR), Mattioli, 2009, p. 39, 144-145


Touring club italiano, Emilia Romagna. Itinerari nei luoghi della memoria, 1943-1945, Milano, TCI, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2005, p. 40