Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

I partigiani promettono "odio mortale" ai nazifascisti

Il 23 novembre il comandante generale tedesco della zona di operazioni di Bologna Frido von Sengen und Etterlin fa pubblicare un manifesto nel quale invita la popolazione a favorire la caccia ai partigiani “fuorilegge” e la repressione del “banditismo”.

Il 26 novembre la federazione comunista di Bologna diffonde un manifesto dal titolo: Risposta al comandante tedesco. Odio mortale.

Si tratta di “uno dei più implacabili incitamenti alla repulsa ed alla ribellione contro i tedeschi che sia mai stato diffuso” (Arbizzani). Il testo è di Ducati, alias Giuseppe Dozza (1901-1974), futuro sindaco della città.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 23, 136


Luciano Bergonzini, Bologna 1943-1945. Politica ed economia in un centro urbano nei venti mesi dell'occupazione nazista, Bologna, CLUEB, 1980, p. 164


Mario De Micheli, 7a GAP, 2. ed., Roma, Editori Riuniti, 1971, pp. 261-263


Deputazione Emilia Romagna per la storia della Resistenza e della guerra di liberazione, L'Emilia Romagna nella guerra di liberazione, vol. 1.: Luigi Arbizzani, Azione operaia, contadina, di massa, Bari, De Donato, 1976, p. 340


Mario Giovannini, Tramonto rosso su San Luca. La Resistenza, il pubblico e il privato con Giuseppe Dozza, Milano, F. Angeli, 1985, p. 26, 118


Luisa Lama, Giuseppe Dozza. Storia di un sindaco comunista, Reggio Emilia, Aliberti, 2007, p. 151


Giacomo Masi, Racconto di una vita, Milano, E. Sellino, 1994, p. 157


La Resistenza a Bologna. Testimonianze e documenti, Bologna, Istituto per la storia di Bologna, 1975, vol. 4., p. 420