Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Eccidio di Pian di Setta

Nella notte tra il 19 e il 20 luglio i partigiani della Stella Rossa attaccano a Pian di Setta alcuni automezzi tedeschi diretti in Toscana, facendo alcune vittime tra i militari.

Il 22 luglio giungono in paese alcuni reparti SS e iniziano un pesante rastrellamento attorno a Monte Salvaro.

Oltre ai prigionieri vengono passati per le armi alcuni contadini nei campi e alcuni mendicanti di passaggio. La maggior parte delle vittime hanno tra i 60 e gli 80 anni.

Al termine della rappresaglia nazista si contano 27 morti in diverse località attorno a Grizzana, tra Bolzo e Pian di Setta.

I corpi delle vittime saranno lasciati per diversi giorni insepolti come monito per la popolazione. Secondo alcuni testimoni la sparatoria, che dà il via alle rappresaglie, non è un attacco preordinato all'autocolonna.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese, 1919-1945, vol. 1., Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, Bologna, Comune-ISREBO, 2005, p. 216
  • Luigi Arbizzani, Antifascismo e lotta di liberazione nel Bolognese. Comune per comune, Bologna, ANPI-Bologna, stampa 1998, p. 123
  • Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 19 (data cit.: 24 luglio)