Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Eccidio di Luminasio

Il 5 agosto quattro soldati tedeschi a cavallo, provenienti dal comando di Montasico (Marzabotto), vengono sorpresi sulla cima di Tramonti dai partigiani della 63a Brigata “Bolero”. Uno di essi viene ucciso, mentre gli altri scappano e danno l'allarme.

Subito viene ordinato un rastrellamento nella zona tra Vedegheto, Luminasio e Montasico. I tedeschi della 29. Panzer Grenadier Division catturano una quarantina di persone, tra le quali donne e bambini.

Tutte le persone “sorprese nei casolari sparsi tra i boschi delle Versellane” sono trascinate a a Cà del Bue, concentrati in un tratto di strada incassata come una trincea e guardate a vista da soldati armati, mentre le case sono messe a fuoco e gli animali vengono razziati dalle stalle.

Gli ostaggi sono interrogati e sei di essi fucilati sul posto sotto gli occhi di tutti. Gli altri - 12 uomini e 11 donne - vengono portati a Bologna. “L'intervento di don Fornasini riesce a salvare qualcuno; alcuni subiscono la deportazione in Germania”.

Gli uomini uccisi - Arsenio Beghelli, Armando Betti, Francesco Betti, Camillo Calzolari, DIonisio Neri e Enrico Venturi - saranno riconosciuti partigiani della “Bolero”.

Il giovane tenente Heinrich Losk, uno degli ufficiali incaricati della rappresaglia, cercherà di limitare il numero dei condannati a morte. Dopo la strage chiederà di tornare in prima linea e probabilmente troverà la morte sul fronte di Pianoro.

Fonti della notizia:

consulta

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese, 1919-1945, vol. 1., Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, Bologna, Comune-ISREBO, 2005, p. 171 (Cit. Brigata "Stella Rossa"), 376


Luciano Gherardi, Le querce di Monte Sole. Vita e morte delle comunità martiri fra Setta e Reno, 1898-1944, introduzione di Giuseppe Dossetti, 5. ed., Bologna, Il mulino, 1994, p. 240


Gerhard Schreiber, La vendetta tedesca. 1943-1945: le rappresaglie naziste in Italia, Milano, Mondadori, 2000, p. 203


Dario Zanini, Marzabotto e dintorni, 1944, Bologna, Ponte nuovo, 1996, pp. 225-233