Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Don Elli deportato nel lager

Don Giuseppe Elli, rettore di San Rocco e cappellano del carcere di San Giovanni in Monte, parte il 21 giugno dal campo di concentramento di Fossoli assieme ad altri 49 compagni, tra i quali don Sante Bartolai e don Giovanni Tavasci, "stipati come sardine" in un vagone bestiame. Destinazione: il lager di Mauthausen.

L'anziano prete è stato accusato di aver portato all'esterno del carcere la lettera di un detenuto e di aver trattato pietosamente i prigionieri. Il 29 novembre sarà trasferito, con la qualifica di Schutz Geistlicher (sacerdote in detenzione di sicurezza), dal lager austriaco a quello di Dachau.

Qui sono rinchiusi i sacerdoti italiani accusati di aver aderito alla Resistenza o protetto ebrei. Don Elli riuscirà a sopravvivere alla dura esperienza del lager. Gli ex deportati lo descriveranno come grande esempio di dignità umana e carità cristiana.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Lapide sull La chiesa di San Rocco (BO) di cui don Elli fu cappellano

Approfondimenti:

  • Alberto Mandreoli, Vangelo e coscienza. Antifascismo e resistenza dei cattolici bolognesi, Trapani, Il pozzo di Giacobbe, 2015, pp. 91-92
  • Rossella Ropa, Internati militari, deportati razziali e politici: l'altra Resistenza, in: La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, p. 444