Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Bando contro i renitenti

Il bando del 18 febbraio, voluto dal generale Rodolfo Graziani e firmato dal Capo del Governo, promette la “punizione con la morte mediante la fucilazione nel petto” per i disertori e i renitenti alla leva della RSI.

I giovani delle classi dal 1922 al 1924 e le loro famiglie sono costretti ad una scelta difficile. In Emilia solo 1.656 su 9.188 precettati risponderanno alla chiamata, arruolandosi nell'esercito repubblichino. Gli altri sceglieranno di nascondersi o di darsi alla macchia, raggiungendo le prime formazioni partigiane.

Alla disobbedienza di massa chiameranno, con volantini e manifesti, i partiti e le organizzazioni antifasciste clandestine.

Il 18 aprile il decreto legislativo n° 145 dal titolo Sanzioni penali a carico di militari o di civili unitisi alle bande operanti in danno delle organizzazioni militari o civili dello Stato offrirà un'amnistia per gli sbandati disposti a presentarsi all'arruolamento entro il 25 maggio successivo.

Il podestà Agnoli e il capo della provincia Fantozzi inviteranno gli “italiani smarriti e dubbiosi”, che hanno preferito “il periglioso sentiero della montagna desolata”, ad uscire “dai tremendi e infidi nascondigli” e a riprendere il loro posto tra i camerati di ieri e di oggi.

Il cosiddetto “bando del perdono” sarà reiterato da Mussolini il 28 ottobre, in occasione dell'anniversario della Marcia su Roma.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Avviso agli sbandati della Prefettura di Ravenna - Fonte: ANPI Faenza - Museo... Pena di morte per i disertori e i renitenti -  Fonte: ANPI Faenza - Museo...

Approfondimenti:

Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 75 (foto: bando ai renitenti)


Pier Giorgio Ardeni, Cento ragazzi e un capitano. La brigata Giustizia e Libertà Montagna e la Resistenza sui monti dell'alto Reno tra storia e memoria, con la collaborazione di Francesco Berti Arnoaldi Veli, Bologna, Pendragon, 2014, p. 34


Luigi Colombari, Vecchie storie di giovani (Bologna 1942-1945), 2. ed. aggiornata, Bologna, Giraldi, 2010, pp. 97-98


Iniziativa e memoria storica nel 50. della Resistenza e della lotta di liberazione. Partigiani ieri anziani oggi, a cura di Remigio Barbieri e Giancarlo Grazia, Bologna, Editrice della sicurezza sociale, 1996, p. 98


Lutz Klinkhammer, L'occupazione tedesca in Italia, 1943-1945, Torino, Bollati Boringhieri, 1996


Adler Raffaelli, Guerra e liberazione: Romagna 1943-1945, Bologna, Editcomp, 1995, vol. 1: Storiografia, pp. 65-66, 84


La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, pp. 68, 335-336


Sergio Tau, La Repubblica dei vinti. Storie di Italiani a Salò, Venezia, Marsilio, 2018, p. 341


Ezio Trota, Carlo Mondani, Vittorio Lenzi, Gli anni di guerra fra Reno e Panaro, (1943-1945), Modena, Il fiorino, 2003