Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Attacchi ai distaccamenti della GNR

Nel mese di maggio si moltiplicano le diserzioni tra i militi della Guardia Nazionale Repubblicana, voluta dall'ex presidente dell'Opera Balilla Renato Ricci con funzioni di polizia interna e polizia militare.

Costituita nel novembre 1943, la nuova arma è formata da carabinieri, ex componenti della Milizia (MVSN) e membri della polizia dell'Africa italiana.

A Bologna la GNR è comandata dal generale Calzolari e dal colonnello Onofaro. Da subito ha avuto grandi contrasti con i dirigenti della vecchia milizia e ha dovuto fare i conti con la scarsa fiducia della popolazione.

In primavera i distaccamenti GNR sono presi di mira dalle formazioni partigiane in tutta la regione. Nella provincia di Bologna vengono assaltati quelli di Barbarolo di Loiano, di Calderino, di Monte San Pietro e di Marzabotto.

Il 6 maggio una compagnia della 4a Brigata Garibaldi, guidata da Luigi Tinti (Bob), cattura alcuni fascisti nel cinema di Firenzuola e li tiene come ostaggi, poi tenta invano l'assalto alla caserma dei carabinieri, per rifornirsi di armi.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

Luciano Bergonzini, La svastica a Bologna. Settembre 1943-aprile 1945, Bologna, Il mulino, 1998, pp. 28-29


Luigi Colombari, Vecchie storie di giovani (Bologna 1942-1945), 2. ed. aggiornata, Bologna, Giraldi, 2010, p. 97


Adler Raffaelli, Guerra e liberazione: Romagna 1943-1945, Bologna, Editcomp, 1995, vol. 1: Storiografia, p. 109


Rossella Ropa, Internati militari, deportati razziali e politici: l'altra Resistenza, in: La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, p. 440