Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Arresto di Mario Finzi

Il 31 marzo viene arrestato l'avv. Mario Finzi (1913-1945), direttore della Delegazione Assistenza Emigranti (Delasem), istituita dopo le leggi razziali del 1938.

Ha ormai da tempo lasciato la sua attività di apprezzato concertista di pianoforte - è stato allievo a Parigi del grande Cortot - per aiutare gli ebrei in fuga dalla Germania nazista e dai paesi dell'Est europeo.

Nei pressi di Nonantola ha preso in affitto Villa Emma, dove un centinaio di ragazzi ebrei sono nascosti dal luglio 1942, con l'aiuto di sacerdoti quali don Arrigo Beccari (1909-2005), del medico Giuseppe Moreali e della comunità locale.

Prodigandosi anche dopo l'occupazione tedesca, Finzi ha accettato consapevolmente il rischio dell'arresto.

Dopo la detenzione per alcuni mesi nel carcere bolognese di San Giovanni in Monte e nel campo di Fossoli, il 16 maggio 1944 sarà deportato ad Auschwitz Birkenau, dove morirà il 22 febbraio 1945, alcuni giorni dopo la liberazione del lager.

A lui sarà dedicata la strada del tempio ebraico bolognese, prima conosciuta come via Tintinaga.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

L Villa Emma - Nonantola (MO) Lapide a ricordo dei salvatori degli ebrei di Villa Emma - Nonantola (MO)

Approfondimenti:

  • Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel bolognese, 1919-1945, Bologna, Comune-ISREBO, vol. I, Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, 2005, pp. 111-112 (Delasem)
  • Luigi Arbizzani, Antifascismo e lotta di Liberazione nel Bolognese. Comune per comune, Bologna, ANPI, 1998, p. 12
  • Luigi Arbizzani, Sguardi sull'ultimo secolo. Bologna e la sua provincia, 1859-1961, Bologna, Galileo, 1961, p. 176
  • Bologna 1938-1945: guida ai luoghi della guerra e della Resistenza, San Giovanni in Persiceto, Aspasia, 2005, p. 21
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 90
  • Dal Reno al Panaro. Il territorio e la sua gente, Castelfranco Emilia, Edizioni del Corso, 2006, p. 82 (Villa Emma)
  • Mario Finzi. Commemorazione tenuta da Cesare Gnudi, edita a cura del Comitato bolognese per le onoranze ai martiri di Auschwitz, Bologna, Ediz. Alfa, 1959
  • Josef Indig Ithai, Anni in fuga. I ragazzi di Villa Emma a Nonantola, Firenze, Giunti - Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2006
  • Gabriella Malagoli, Ruggero Piccinini, Maria Luisa Zambelli, Nonantola. Storia Arte Cultura, 2. ed., Arcidiocesi di Modena - Nonantola (ecc.), 2003, p. 230
  • Eugenia Marcantoni, Memorie del Liceo Minghetti, in Bologna Novecento. Un secolo di vita della città, a cura di Maria Letizia Bramante Tinarelli, Castelmaggiore, FOR, 1998, pp. 87-90
  • Nazario Sauro Onofri, Ebrei e fascismo a Bologna, Crespellano, Grafica Lavino, 1989, pp. 171-172
  • Nicoletta Ruth Ottolenghi, Breve storia della comunità israelitica di Bologna, Bologna, La Fotocromo Emiliana, stampa 1979, pp. 7-8
  • Lucio Pardo, Carolina Delburgo, Barbarie sotto le due torri. Leggi razziali e Shoah a Bologna, s.l., s.e., 2018, pp. [8], [92-95]
  • Renato Peri, Mario Finzi (Bologna, 1913-1945, Auschwitz) o Del buon impiego della propria vita, Bologna, G. Barghigiani, 1995
  • Annie Sacerdoti, Guida all'Italia ebraica, collaborazione di Luca Fiorentino, Genova, Marietti, 1986, pp. 204-205
  • Claudio Silingardi, Alle spalle della Linea Gotica. Storie, luoghi, musei di guerra e Resistenza in Emilia-Romagna, Modena, Artestampa, 2009, pp. 87-95
  • Touring club italiano, Emilia Romagna. Itinerari nei luoghi della memoria, 1943-1945, Milano, TCI, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2005, p. 93
  • Klaus Voigt, Villa Emma. Ragazzi ebrei in fuga, 1940-1945, Firenze, La nuova Italia, 2002