..." /> ..." />

Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Otto partigiani uccisi a Casetta di Tiara

Mentre è in marcia di trasferimento dal Monte Faggiola alla Bastia una pattuglia di partigiani della 36a brigata Garibaldi "A. Bianconcini" cade in una imboscata a Casetta di Tiara, nei pressi di Firenzuola, al confine tra Emilia e Toscana.

Un centinaio di militi della GNR e di SS tedesche piombano all'improvviso sui "ribelli", che praticamente non hanno il tempo di difendersi.

Due partigiani sono subito uccisi. Gli altri, tra i quali il comandante Giovanni Nardi (Caio), vengono catturati e giustiziati sul posto, quasi tutti finiti a colpi di baionetta.

Sono: Sebastiano Bertozzi, Dino Casalini, Anselmo Collina, Angelo Merlini, Anselmo Morini e Celeste Samorè.

L'unico superstite, Giuseppe Maccarelli, è soccorso dal parroco don Cinelli e ricoverato all'ospedale di Palazzuolo sul Senio, dove però morirà due giorni dopo.

I corpi dei partigiani uccisi saranno sepolti nel cimitero di Casetta di Tiara, dove rimarranno fino alla Liberazione.

Giovanni Nardi (1923-1944) è stato tra i primi organizzatori della Resistenza nell'imolese. Militare in Istria, dopo l'armistizio ha scelto la lotta contro i nazifascisti, aggregandosi al Btg. "Trieste".

Nel gennaio 1944 in una casa isolata sul monte Faggiola (l'Albergo) ha formato, con una ventina di giovani imolesi, il gruppo originario della 36a Brigata. Gli sarà assegnata la Medaglia d'Argento al V.M. alla memoria.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Foto di G. Nardi (Caio) nel Sacrario partigiano di piazza Nettuno (BO) Foto di A. Morini (Salam) nel Sacrario partigiano di piazza Nettuno (BO)

Approfondimenti:

Nazario Galassi, Partigiani nella linea Gotica, Bologna, University Press, 1998, p. 106


La Resistenza a Bologna. Testimonianze e documenti, vol. 5., a cura di Luciano Bergonzini, Bologna, Istituto per la storia di Bologna, 1980, p. 125, 139, 399


Werther Romani, Mauro Maggiorani, Guerra e Resistenza a San Lazzaro di Savena, San Giovanni in Persiceto, Aspasia, 2000, p. 24