Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Ritirata tedesca sul Senio. Eccidio a Villa Rossi di Biancianigo

Il 15 dicembre arrivano sul Senio nei pressi di Castelbolognese le truppe tedesche in ritirata dopo la battaglia del Lamone. Da alcuni mesi sono già presenti in zona i paracadutisti della 4a Divisione. Si sono avuti rastrellamenti e uccisioni, come quella di Bruno Bandini a Tebano.

Il 17 dicembre, giorno della liberazione di Faenza, i tedeschi decidono di far saltare in aria Villa Rossi a Biancianigo e le case coloniche adiacenti, per liberare il campo di tiro verso il fiume. Nelle cantine della villa hanno trovato ricovero le famiglie Cristoferi e Montanari e alcuni sfollati da Faenza.

Le esplosioni alle prime luci dell'alba travolgono diciotto civili e altri tre muoiono nella casa a Crociaro di Sopra. Tra le vittime vi sono sette bambini tra i due e i quattordici anni. Nonostante il loro diniego, i tedeschi sapevano che la villa era abitata. Pochi giorni prima da Villa Rossi erano state evacuate trenta donne cieche sfollate da Bologna.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Monumento eretto nel 50° della Resistenza in memoria delle vittime... L L

Approfondimenti:

Stefano Borghesi, L'eccidio di Villa Rossi a Biancanigo, 17 dicembre 1944. Memoria letta il 17 dicembre 1984 nella chiesa di San Pietro apostolo in Biancanigo in occasione del 40. anniversario, Faenza, Arti Grafiche, 1984


Michele Montanari, L'eccidio di Villa Rossi a Biancanigo di Castelbolognese, in: Fronte italiano: c'ero anch'io, a cura di Giulio Bedeschi, Milano, Mursia, 1987, vol. 1., La popolazione in guerra


Touring club italiano, Emilia Romagna. Itinerari nei luoghi della memoria, 1943-1945, Milano, TCI, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2005, p. 47