Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1944

Contadini uccisi a Pizzocalvo

A Pizzocalvo, sulle colline di San Lazzaro di Savena, i tedeschi e i fascisti delle brigate nere irrompono il 2 luglio in alcuni casolari e compiono un rastrellamento di civili, accusati di collaborare con i partigiani.

Il giorno seguente otto uomini vengono fucilati nei pressi di Villa Calzoni alla Croara e seppelliti in fretta, facendo credere alle famiglie che sono stati portati a Carpi in attesa di essere trasferiti nel Reich.

La verità si saprà solo a guerra conclusa. La stele che commemora l'eccidio è opera dello scultore Luigi Mattei.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Monumento ai martiri di Pizzocalvo - particolare Lapide ricordo sul luogo dell Monumento ai martiri di Pizzocalvo - scult. Luigi Mattei Monumento ai martiri di Pizzocalvo - particolare

Approfondimenti:

  • Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese, 1919-1945, vol. 1., Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, Bologna, Comune-Istituto per la storia della Resistenza e della societa contemporanea nella provincia di Bologna Luciano Bergonzini (ISREBO), 2005
  • Nazario Sauro Onofri, Cronologia bolognese del 1944, in 1944: la lotta di liberazione, Bologna, ANPI, 2004, p. 16