Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1943

Riunione del Partito Comunista bolognese dopo la caduta del fascismo

Si tiene, in un appartamento di via Fondazza, la prima riunione del Comitato federale del PCI. Partecipano alcuni dirigenti appena rientrati dal carcere e dal confino: tra essi Arturo Colombi, Gaetano Chiarini, Celso e Vittorio Ghini, Umberto Macchia, Antonio Cicalini, Nella Baroncini.

La Federazione comunista bolognese conta circa 1.500 iscritti, finora costretti alla clandestinità. La struttura organizzativa di base è la cellula. Ne esiste una in tutte le fabbriche importanti della città.

Viene costituito un Comitato militare del partito, con giurisdizione su Bologna, Modena e Ferrara. Ne fanno parte Vittorio Ghini (responsabile), Luigi Gaiani e Mario Pelloni.

Il PCI, i cui dirigenti hanno maturato notevoli esperienze di lotta in Spagna e in Francia, diventa l'animatore principale della ricomposizione del fronte antifascista, superando vecchie chiusure settarie nei confronti degli altri partiti democratici.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Luigi Arbizzani, Guerra, nazifascismo, lotta di liberazione nel Bolognese, luglio 1943-aprile 1945. Fotostoria, 5. ed., Bologna, Edizioni della Provincia, 2005, p. 12
  • Arturo Colombi, I comunisti per la lotta armata, in Al di qua della Gengis Khan. I partigiani raccontano, a cura di Remigio Barbieri e Sergio Soglia, Bologna, Galileo, 1965, p. 12
  • Arturo Colombi, Il partito nuovo a Bologna. Scritti su "La lotta" 1945-1948, Bologna, a cura della Federazione bolognese del PCI, 1982, pp. 184-190
  • Mario De Micheli, 7a GAP, 2. ed., Roma, Editori Riuniti, 1971, p. 43
  • Marzia Maccaferri, Paolo Pombeni, I partiti politici durante la “Prima Repubblica”, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, p. 635
  • Parlamentari dell'Emilia Romagna, a cura di Giuliani Lusuardi ... e altri, Correggio, Vittoria Maselli, 2013, pp. 67-69
  • 40°: 1945-1985. Alba di libertà, Bologna, ANPI provinciale, 1985, p. 12